Don't Miss

Youri Tielemans, il re del centrocampo pronto a spiccare il volo VIDEO

IMG_0426

di Filippo Razzolini | 23 settembre 2016

Youri Tielemans (7/05/1997), nasce a Sint-Pieters-Leeuw, una decina di chilometri in linea d’aria da Bruxelles. Il padre viene proprio da Bruxelles mentre la madre è di origine congolese. All’età di 5 anni entra nel settore giovanile del RSC Anderlecht e qui inizia a bruciare le tappe. Ha appena 16 anni quando il suo allenatore, John Van Den Brom, lo fa esordire nella Jupiler League, inserendolo al 25′ del primo tempo al posto del titolare Sacha Kljestan, Tielemans mette subito in evidenza le sue doti tecniche e tattiche.
La settimana dopo è già titolare nella partita vinta per 4 a 0 sul Cercle Brugge. Il ragazzo sedicenne trova sempre più spazio e acquisisce così una notevole personalità e fiducia nei propri mezzi. Il 2 ottobre 2013 debutta anche in Champions League nella sconfitta per 3-0 contro l’Olympiacos, diventando il più giovane belga di sempre a giocare nelle Coppe europee. Qualche mese dopo (aprile 2014) trova il suo primo gol in Jupiler League nel 3 a 0 rifilato al Club Brugge. Tielemans trova anche il suo primo gol in Coppa di Lega e a fine anno, con il campionato in tasca, viene eletto miglior giovane calciatore belga dell’anno. Si conquista il posto da titolare in squadra, e chiude il suo primo anno da professionista con l’Anderlecht vincendo lo Scudetto e collezionando 29 presenze e 1 goal in campionato e 4 gettoni in Champions League.
In Nazionale, dopo aver giocato sia con l’Under 15 (6 presenze e 2 goal), sia con l’Under 16 (10 presenze e 8 goal) della Nazionale belga, il 14 ottobre 2013 fa il suo esordio con la Rappresentativa Under 21 nella sfida contro i pari età dell’Italia, ma sicuramente presto arriverà una chiamata dalla Nazionale maggiore. Sì, perché Youri Tielemans è un calciatore con un talento enorme. Centrocampista centrale, in grado di agire anche da mezzala o all’occorrenza trequartista, tecnicamente dotatissimo e perfettamente ambidestro, Tielemans ha una visione del gioco superiore alla media, che gli permette di disegnare linee di passaggio che solo un attimo prima sembravano inesistenti: l’assist in verticale è il pezzo forte della casa. Fisicamente non un colosso, (1.76 x 70/71 kg), si fa rispettare e mostra una freddezza invidiabile nella gestione del pallone anche nelle situazioni più difficili. Tielemans riesce ad essere influente in entrambi le fasi del gioco, indistintamente. Per adesso le sue qualità sono squilibrate verso una troppo più marcata abilità nella fase di possesso palla, però il ragazzo sa difendere e possiede qualità fondamentali per diventare un calciatore importante anche in questa fase del gioco; ha straordinarie doti motorie e fisiche e ha una grande velocità negli spazi brevi che lo rende una continua minaccia nel ribaltamento dell’azione. Molto bravo nel calciare i piazzati, deve migliorare nel tiro in porta, essendo dotato di due piedi e di un dribbling eccellente, può diventare molto più pericoloso sotto porta. Tielemans può diventare un calciatore potenzialmente immarcabile e pericoloso in qualsiasi posizione riceva il pallone, e presto non v’è dubbio che arriverà la chiamata di una squadra importante, per permettere il salto di qualità del giovanissimo talento belga.

Ecco un video con alcune delle migliori giocate del gioiello dell’Anderlecht:

 

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*