Don't Miss

Tutto crollò davanti alla porta 28 del Bernabeu

Bernardo Brovarone

di Bernardo Brovarone | 8 dicembre 2016

Era una serata di Champions, a Madrid arrivava il Bayern Monaco, nel pomeriggio mi chiama un agente amico molto noto in Spagna e mi invita al Bernabeu a vedere la partita, dovevamo parlare di affari, di giocatori, fra l’altro oggi mi viene anche un po’ da sorridere a ripensare al giocatore in questione, un ragazzino del Vasco de Gama, centrocampista, un certo Juninho Pernambucano. Un agente FIFA italiano residente in Svizzera con cui collaboravo, Dino Lamberti, aveva la procura di questo ragazzo e decidemmo di fissare un appuntamento a Madrid.

Nel Real avevo una chiave di entrata molto importante, la persona sopracitata, l’agente serbo amico Zoran Vekic, rappresentante fra gli altri del Capitano Fernando Hierro, di Guty, del talentino serbo Ognjenovic. Zoran vive a Valladolid da una vita, e’ spagnolo a tutti gli effetti, aveva un rapporto privilegiato con Lorenzo Sanz, il Presidente. Ricordo ancora che ci incontrammo in Plaza Castilla, nell’hotel dove alloggiava sempre lui, parlammo a lungo di tutta la situazione, Zoran fece presente che il Real stava cercando un giocatore con quelle caratteristiche e che la figura di Juninho era fra quelle prese in considerazione.

Stabilimmo alcuni accordi fra di noi, e terminata la riunione montammo in macchina e andammo al Bernabeu. La partita non fu niente di che, ricordo però le banane che i tifosi del Madrid lanciarono al portiere Oliver Kahn, penso in assoluto il calciatore più odiato nella storia del Bernabeu. Mi sembra di ricordare che la gara contasse poco perché il girone era già ben delineato, insomma una serata poco eccitante calcisticamente, ma molto utile professionalmente e troppo divertente per ciò che accadde dopo al ristorante e che adesso racconterò.

Andammo al De Maria, noto locale madrileno, covo di personaggi televisivi attori, giocatori, vip vari, un ristorante molto buono e un ambiente da paura, mai viste tante gnocche in un colpo solo. Con noi c’era anche Ognjenovic, attaccante esterno del Madrid, ragazzino serbo, simpaticissimo, pure bravo, che fra l’altro quella sera gioco’, un miracolo. Davanti al nostro tavolo c’erano due amiche che mangiavano sedute tranquille e divertite, una delle due, quella che mi dava di fronte, era di una bellezza indescrivibile, guardarla metteva il magone. Ma la cosa che mi tolse la tranquillità era che questa non mi toglieva gli occhi di dosso, lo faceva con insistenza e con una birbonaggine da mangiarsela viva sul posto. Non si degno’ di una sola distrazione in tutta la serata, neanche Gentile su Maradona a Spagna ’82 fu più aggressivo e insistente. Noi terminammo la cena prima di loro, e quando ci alzammo e il guardarobiere mi porto’ il cappotto, lo presi per un braccio lo portai dieci metri più indietro, gli consegnai un mio biglietto da visita personale e lo incaricai di consegnarlo a fine cena alla ragazza vestita di turchese che siedeva davanti a noi.

Lasciammo il ristorante e Zoran mi accompagnò a casa, fra l’altro vivevo in Calle Serrano al final, 221, vicino sia al Bernabeu che al ristorante. Ero frastornato, quella donna mi aveva scombussolato la nottata, mi chiedevo naturalmente se un giorno l’avessi potuta rivedere. Erano circa le due di notte, ricordo perfettamente l’orario ancora oggi, guardavo un match registrato di Champions, quando mi arriva un messaggio sul cellulare, leggo ed e’ lei. Non ci sto dentro, sbando, mi accaloro, era di una bellezza che solo l’idea di portarla a cena mi metteva l’ansia. Fu dolcissima e carina da morire, le risposi in modo celere e contenuto, decidemmo di sentirsi al telefono la mattina seguente. La chiamai, parlammo un po’ e decidemmo di uscire a cena insieme. Non sono il tipo che si veste da festa, che si improfuma come una befana per l’evento, ma ero emozionato da paura, la ricordavo un missile terra aria, una delle donne più belle mai viste, ma non esagero. Ricordava molto Cindy Crawford come timbro, solo per darvi una misera traccia.

Ricordo ancora che fissammo davanti a una delle porte del Bernabeu, c’era una caffetteria, mi sembra fosse la 28, a la esquina de Concha Espina, ma conta poco. Io arrivai a piedi da casa mia, mi fumai una sigaretta sul marciapiede, e aspettai il suo arrivo. Vedo una Golf bianca che mi si avvicina, un po’ incerta, mi si affianca, abbassa il finestrino, si volta verso di me alla distanza di qualche decina di centimetri e mi spara un sorriso a 50 denti sul muso. Restai semplicemente impietrito e allo stesso tempo disincantato nell’arco di due secondi di numero, la meraviglia che ricordavo e che in fondo comunque si confermo’, non aveva praticamente i DENTI. Davanti ai miei occhi una specie di dentiera rosa chiara, solo gengive praticamente, con uno strato di dentini bianchi che spuntavano dalle stesse di una misura non superiore ai 3-4 millimetri. Solo gengive, GIURO. Fu panico vero, ci doveva essere una trappola da qualche parte, non sapevo come gestire la situazione, mi ero fatto tali film nella testa che mi crollo’ completamente il mondo addosso. Ma questa donna era dolce e carina, solitamente conoscendomi l’avrei marmata sul posto e mi sarei accomodato in tutta serenità a mangiarmi un filetto e pure’ da solo, ma con lei non ci riuscii, mi faceva una tenerezza enorme, e la portai a cena.

Gli spagnoli sono festosi, gioiosi divertenti, a tavola anche lei rideva in continuazione, era uno spettacolo praticamente insostenibile, ma lo portai a termine, con sacrificio, ma con rispetto, con cavalleria, perché lei lo meritava. Mi feci accompagnare a casa, ero freddo, gelido, distante, non vedevo l’ora di arrivare nella mia calda cuccia, non ne potevo più. Pensavo al gelo di quella notte al Bernabeu, alle banane, alla classe di Effenberg che illumino’ parzialmente quella notte, ma soprattutto al De Maria, all’uomo che mi portò il cappotto, a quando arrivai a casa che neanche toccavo terra con i piedi da quanto volavo, al messaggio notturno. Tutto crollo’ in un fulmineo e flashante sorriso sotto la Puerta 28 del Bernabeu, non la dimenticherò mai quella scena, ricordo ancora quando la raccontai a Zoran un giorno in macchina, gli dovetti passare i fazzoletti perché piangeva come un bambino dalle risate che si fece. Non si fermava neanche un attimo, anche perché lui di donne se ne intendeva anche troppo…Forse più che di calciatori.

Un commento

  1. Caro Bernardo,
    scusami se uso lo spazio per un commento per inviarti un commento che ho scritto su VIOLANEWS, che vorrei condividre con te che sei una gran bella mente e la schiettezza, con la chiarezza elle idee, non ti fa difetto. Ti scrivere un email se solo avessi trovato il tuo indirizzo da qualche parte….
    Ti saluto e grazie anticipatamente per la disponibilità.
    Alberto

    Questa, secondo me, è la giusta conclusione di una vicenda davvero indignante. Tutti coloro che per “purezza d’animo intellettuale”, come il nostro David Guetta per esempio, credevano che la motivazione del crollo della squadra fosse lagato ad “altri” fattori sono stati, ahimé, smentiti loro malgrado.
    A gennaio 2016 è stato compiuto un killeraggio vero e proprio a carico delle GIUSTE ambizioni della nostra squadra che forse inaspettatamente si è trovata al primo/secondo posto alla faccia di se stessa, perchè con giocatori normali, e alla faccia delle solite strsciate (gobbi) che hanno i giocaori migliori PAGATI fior fior di milioni.
    La Viola era lì in paradiso a dispetto dei Santi, Cognigni e Diego Della Valla su tutti, e i “normali giocatori” hanno cominciato a crederci davvero… E noi con loro!
    Sousa ha chiesto legittimanete dei rinforzi per non stremare la squadra che girava a 2000., per sostituire qualche infortunato, dei rinforzi per continuare stare in paradiso.
    Gli investimenti però costano e quei “signori” invece di dire: “caxxo hai visto mai?” hanno preferito dire NO! La pantomima di Mammana e Lopez è stata quanto di più patetico ed indegno spettacolo mediatico che si potesse vedere… e noi fessi a crederci, ma non c’era alcuna volontà di fare quel passo.
    Il risultato è stato ovvio: Sousa è crollato, portandosi dietro i giocatori che come dice sempre Il Brovarone, sono esseri umani con emozioni forti (anche con grandi portafogli pieni di soldi aggiungo io), ma perché NON avrebbero dovuto crollare facendo la fine che abbiamo fatto?
    Ma tutti a dare addosso a Sousa, che mi sta simpatico come una colica renale in ferie alle Maldive, NESSUNO che abbia osato dire una mezza parola chiara e lampante contro Cognigni e tanto meno contro Diego Della Valle (non sia mai!) tutti a belare con Andrea Della Valle, mi fa anche tenerezza quando ci prova, che non conta asssolutamente NULLA, meno di gran lunga di Cognigni che gli da la paghetta settimanale…
    Astori? Questo è un Uomo vero, con le palle dure sotto, che non sente discorsi e ha parlato chiaro. Dovremmo delle scuse al “simpatico” Sousa e a Montella che in tempi non sospetti (mica tanto) disse quello che ai Santi in paradiso dette così tanto fastidio.
    E i puri d’intelletto come il Guetta?
    Adesso questi s’incazzano, perchè non c’è niente di peggio della DELUSIONE quando la vera verità viene fuori che ha raccontata l’Uomo Astori.
    Il massimo della pochezza intellettuale è quando leggo: “la squadra della prossima stagione dipenderà dal progetto stadio…” ma per piacere!
    La prossima stagione dipenderà da uno stadio che se tutta va bene ci sarà fra 10/12 anni!
    Chiedo onestà di idee, e coraggio per dire NO, COSI’NON LO ACCETTO PIU’.
    Questa è la loro dimensione, non la mia!
    Io non mi indeto per l’abbonamento e se fossi un inserzionista della radio, comincerei a pensarci su se mi conviene ancora spendere per cosa, Se non dovessimo andare neanche più in Europa. E abboziamola con le statistiche, per favore.
    Conta solo chi vince o almeno ci prova. L’anno scorso è stata distrutta UN’OPPORTUNITA’ straodinaria, che non si presenterà mai più, non con Cognigni e Diego Della Valle che non hanno alcun interesse per la nostra squadra.
    E mi dispiace da morire, speriamo che non prendano provvedimenti contro l’Uomo Astori, me l’aspetto.
    Vi saluto, vi voglio bene!

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*