Don't Miss

Ruben Neves, classe e carisma: il Porto colpisce ancora VIDEO

IMG_0575

di Filippo Razzolini | 10 ottobre 2016

Ruben Neves (13/03/1997), nasce a Santa Maria da Feira nel nord del Portogallo. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Porto, è arrivato ai “Dragoes” nel 2010, nella stagione 2012/2013 viene ceduto in prestito al Padroense, dove viene inserito nella formazione Juniores B Under 17, quì si dimostra subito un prospetto di livello superiore e i dirigenti del Porto sono “costretti” a riportarlo dopo pochi mesi alla base ed inserirlo nella selezione Under 17 biancoblu.  Neves, dopo il suo ritorno al Porto, impiega pochissimo a mostrare le sue grandi qualità tecniche-atletiche e, dopo pochi mesi, quando ancora non aveva compiuto 17 anni, nel precampionato, viene aggregato al Porto B (insieme ad altri 4 talenti) e addirittura inizia ad allenarsi anche con la prima squadra dei “Dragoes”. Rubén Neves è un centrocampista centrale di puro talento, che dispone di una tecnica sopraffina, di imprevedibilità, di un lancio millimetrico, sia col destro che col sinistro, pur essendo principalmente destro, di un controllo di palla molto “pulito” e di una visione di gioco a 360 gradi; sa dettare i tempi dell’azione e leggere benissimo le diverse situazioni, facendosi trovare sempre smarcato al posto giusto nel momento giusto, risultando costantemente un punto di riferimento per i suoi compagni di squadra. Non disdegna le incursioni nell’area avversaria, può rendersi molto pericoloso con delle conclusioni dalla lunga e media distanza ed anche su calcio piazzato, si occupa di calciare sia rigori che punizioni.
Fisicamente ben strutturato, forte nei duelli aerei, resiste bene allo scontro corpo a corpo e difficilmente rifiuta il contrasto, mostrandosi determinato e aggressivo in ogni fase del gioco. Ha un buon passo, non è il classico play-maker compassato ma è un giocatore che ricopre tutto il centro del campo. Dotato di grande personalità e carattere, non a caso è stato capitano delle varie selezioni giovanili (un anno fa ha pure debuttato in nazionale maggiore). La sua intelligenza tattica e lettura del gioco gli permettono spesso di porsi sulla linea di passaggio avversario, svolgendo così un preziosissimo “lavoro oscuro” che favorisce anche i suoi compagni che possono recuperare lo spazio perduto. La padronanza con cui si muove in campo è dote rara da trovare in ragazzi della sua età. Dalla stagione 2014/2015 gioca stabilmente in prima squadra ed ha gli occhi di tutte le migliori società europee addosso. E’ normale che il ragazzo stia cercando di affermarsi al Porto, una squadra che pone grande attenzione sui giovani e ne cura attentamente la crescita sotto tutti gli aspetti. Non c’è dubbio che possa ambire a palcoscenici importantissimi e che la squadra portoghese lo cederà a peso d’oro al momento opportuno.

Nel video alcune delle migliori giocate di Ruben Neves:

 

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*