Don't Miss

PRIMERA ARGENTINA 24ma fecha

driussi

di MC&TB | 16 maggio 2017

Giornata cruciale e molto emozionante quella appena disputata in Argentina, infatti era la cosiddetta giornata dei Clasicos, in cui venivano disputate tutte le sfide più calde del panorama albiceleste e le emozioni non sono assolutamente mancate.

Si inizia sabato con la sfida cittadina di La Plata, che vede l’Estudiantes sconfiggere il Gimnasia, reduce dalle fresche dimissioni del suo tecnico Gustavo “ Lechuga” Alfaro, per 1 a 0 con gol del platinato Israèl Damonte, per poi proseguire con il Clasico di Cordoba tra Talleres e Belgrano, terminato  1 a 1 con le reti di Rescaldani per il Talleres e di Suarez per il Pirata, al Florencio Sola andava poi in scena il Clasico del Sur tra Banfield e Lanus, che vedeva prevalere il Taladro di Falcioni per  1 a 0 grazie alla segnatura dell’ex Palermo e Boca Nicolàs Bertolo, mentre nel Clasico de Barrio vittoria esterna del San Lorenzo De Almagro sul campo dell’Huracan per 1 a 0 grazie all’ex Malaga Marcos Angeleri.

Nella giornata di domenica, si disputavano i restanti clasicos, come quello di Santa Fè tra Colon e Union, finito 1 a 1 con le reti di Vera per il Sabalero e l’autogol di Conti per il Tatengue, il Clasico de Rosario dove il Central di Pablo Montero espugnava con pieno merito il Coloso Marcelo Bielsa, casa dei rivali cittadini del Newell’s Old Boys, per 3 a 1 con le reti canallas di Carrizo, Ruben e Herrera, mentre il momentaneo 2 a 1 leproso veniva realizzato dall’ex Palermo Mauro Formica ed il Clasico de Avellaneda, dove l’Independiente sconfiggeva per 2 a 0 il Racing con le reti del sempre più decisivo Emiliano Rigoni e di Meza, ma le attenzioni di tutto il popolo argentino erano rivolte all’Estadio Alberto Josè Armando, più noto come la Bombonera, teatro del Superclasico tra i padroni di casa del Club Atletico Boca Juniors e gli acerrimi rivali del Club Atletico River Plate.

Agli ordini dell’arbitro, signor Patricio Lousteau, uno dei più esperti fischietti d’Argentina, entrambe le squadre si presentano con gli schieramenti tipo, gli Xeneizes del Mellizo Guillermo Barros Schelotto con il consueto 4 – 3 – 3, con il trio avanzato Pavon – Benedetto – Centurion, mentre i Millionarios del Muneco Marcelo Gallardo con il classico 4 – 3 – 1 -2, con la terribile coppia d’attacco composta da Seba Driussi e Lucas  “El Flaco” Alario, supportati alle spalle dal “Pity” Gonzalo Martinez, mentre in difesa accanto all’ex Jonathan Maidana, debutta in un Superclasico la nuova meraviglia della cantera della Banda, il 21enne Lucas “El Chino” Martinez Quarta.

Dopo appena 2 minuti, primo cambio del match, infatti s’infortuna dopo un contrasto con Fernando Gago, l’ex Newell’s MIlton Casco, che deve così abbandonare il terreno di gioco per far posto a Mayada, ma sempre sulla fascia sinistra dell’attacco millionario si disimpegna benissimo “el Pity” Martinez, creando non pochi imbarazzi all’ex Catania Gino Peruzzi e, dopo un tiro di Driussi al 4°, bloccato in 2 tempi dall’arquero Xeneize Rossi, gli uomini di Gallardo intensificano la propria supremazia territoriale, arrivando al 14° al meritato vantaggio proprio con Martinez che,con una definizione sontuosa, conclude con un sinistro al volo, un millimetrico cross di Driussi, sul quale va letteralmente a vuoto il malcapitato Peruzzi. La mossa di Gallardo di tenere così largo Martinez risulterà quella decisiva, infatti da quella parte il River farà il bello e il cattivo tempo e già al 16° los Millionarios vanno vicini al raddoppio con un colpo di testa di Ariel Rojas su cross dell’immarcabile Martinez, con palla fuori di poco. Al 17° primo cambio forzato anche per Schelotto, infatti l’ex Racing e Genoa Ricardo Centurion accusa un problema muscolare e lascia il campo in favore della “Panterita” Walter Bou, ma la musica non cambia ed il solito straripante Martinez, dalla sinistra, serve una palla d’oro per Driussi che conclude a lato di pochissimo, il tutto come preludio al secondo gol della Banda che arriva al 24°con Alario che, ricevuto l’assist in profondità del solito incontenibile Pity Martinez, scarica un sinistro verso la porta azul y oro che Rossi può solo deviare in rete. Il dominio riverplatense è pressochè totale, il Boca risulta quasi non pervenuto, ma rientra clamorosamente ed immeritatamente in gioco nel primo dei 2 minuti di recupero con la rete di Gago su un’innocua punizione dalla trequarti, giudicata malissimo dal portiere del River Batalla e così si chiude la prima frazione di gioco sul punteggio di 2 a 1 per la Banda.

La ripresa si apre con il Boca leggermente più presente sul campo, anche grazie all’incessante sostegno del popolo Xeneize, guidato dalla Doce, ma è sempre il River ad essere più pericoloso, già al 12° con un’azione del trio delle meraviglie Alario – Driussi – Martinez, chiusa dal Pity con un tiro sul primo palo, deviato in angolo da Rossi. Finalmente il Boca inizia a rendersi pericoloso ed al 17° va vicinissimo ad un incredibile pareggio con l’azione del Pipa Darìo Benedetto, fin lì ectoplasmatico, che ricevuta palla da Pablo Perez, si invola verso la porta, riesce a scartare Batalla e a concludere verso la porta, dove con un intervento prodigioso il debuttante Martinez Quarta salva sulla linea, mettendo la sfera in calcio d’angolo. Al 19° secondo cambio forzato per Gallardo che deve sostituire il migliore in campo Pity Martinez per un fastidio muscolare,schierando l’esperto uruguagio Rodrigo Mora, mentre nel Boca al 23° esce Perez ed entra Barrios. Gli uomini di Schelotto intensificano la propria manovra ma non riescono a sfondare la linea difensiva millionaria dove si staglia sempre con interventi precisi e puliti il giovane Martinez Quarta, ennesimo interprete nel ruolo uscito dalle giovanili di Nunez, come i predecessori Pezzella e Mammana,intanto al 28° ultimo cambio per la Banda con l’ingresso dell’ex Estudiantes Carlos Auzqui per Alario ed al 29° palla gol epocale per il Boca, con il cross dalla destra di Peruzzi che arriva sulla testa di Benedetto che libero in area piccola manda di poco alto sulla traversa di Batalla. Al 34° ci prova dalla distanza il neo acquisto bianconero, l’uruguagio Rodrigo Bentancur ma il pallone si perde alto con Batalla che controlla tranquillamente, mentre al 39° il River sbaglia il match point con Auzqui che, lanciato in profondità da Driussi, prova uno scavetto per superare Rossi con la sfera che si perde a lato. Al 43° Batalla riscatta l’erroraccio sul gol di Gago con 2 interventi decisivi, prima su una conclusione di Gago e poi sul tentativo di tap – in di Peruzzi, ma al primo dei 4 minuti di recupero, Driussi sigla il 3 a 1 finale, con un sinistro fulmineo sul primo palo, dopo un passaggio in profondità di Nacho Fernandez che aveva intercettato un impreciso disimpegno di Gago, così il River espugna la Bombonera e vendica la sconfitta patita al Monumental all’andata.
Questo il film del Superclasico, come sempre con immagini bellissime:

In classifica, Boca sempre primo con 49 punti, il San Lorenzo sale a 46, a 45 il River (con una partita in meno) il Newell’s ed il Banfield, a quota 44 Estudiantes e Colon.

Gli altri risultati: San Martin – G. Cruz 1-2; Atl. Rafaela – Atl. Tucuman 1-0; Olimpo – Aldosivi 2-0; Patronato – Sarmiento 2-2; Arsenàl – Temperley 2-0; Defensa – Quilmes 2-0; Velez – Tigre 2-1

CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 49 punti; SAN LORENZO 46 punti; RIVER PLATE*, NEWELL’S OLD BOYS, BANFIELD 45 punti; ESTUDIANTES LP, COLON 44 punti; RACING CLUB 42 punti; INDEPENDIENTE* 41 punti; ROSARIO CENTRAL 37 punti, LANUS 36 punti; TALLERES C, GIMNASIA Y ESGRIMA LP, DEFENSA Y JUSTICIA* 34 punti; ATLETICO RAFAELA 33 punti; GODOY CRUZ 31 punti; UNION 29 punti; ATLETICO TUCUMAN*, VELEZ SARSFIELD 28 punti; OLIMPO*, TEMPERLEY 27 punti; PATRONATO 26 punti; SAN MARTIN SJ 25 punti; HURACAN, TIGRE 24 punti; SARMIENTO J, QUILMES 22 punti; ALDOSIVI 20 punti; BELGRANO 18 punti; ARSENAL* 14 punti.

*: RIVER PLATE, INDEPENDIENTE, DEFENSA Y JUSTICIA, ATLETICO TUCUMAN, OLIMPO, ARSENAL una partita in meno.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,985
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 1,011
28° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,042
27° posto: QUILMES coefficiente 1,056

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 15 reti; BENEDETTO (boca juniors) 14 reti; SAND (lanus) 13 RETI.

E ora un bellissimo video direttamente dalle tribune dei clasicos seguito da tutti i gol de la fecha :
https://www.youtube.com/watch?v=KUfvpZoXKMs

https://www.youtube.com/watch?v=EBBG-Xa9BS0

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*