Don't Miss

PRIMERA ARGENTINA 21ma fecha

maxi

di MC&TB | 26 aprile 2017

Si torna a parlare soltanto di aspetti tecnici nel weekend argentino, dopo la tragedia del Mario Kempes di Cordoba: nella 21ma fecha, appena trascorsa, tutte le squadre sono scese in campo con un striscione per ricordare che la violenza non appartiene al Futbol Albiceleste.

La capoclassifica Boca Juniors si recava a Rafaela, dove all’Estadio Nuevo Monumental, andava in scena il più classico dei testa – coda, tra l’equipo del Mellizo Guillermo Barros Schelotto e l’Atletico di Llop, ultimo nella classifica del Promedio, per cui al momento attuale prima delle retrocesse in Segunda Division.

Tra gli Xeneizes, due i cambi rispetto all’undici classico, con Zuqui al posto di Centurion e Barrios in luogo di Fernando Gago, con Rossi ancora una volta preferito, a guardia della porta, al futuro craque Axel Werner, mentre tra i padroni di casa segnaliamo la presenza, al centro dell’attacco, di Mauro Albertengo, fratello di Lucas, delantero dell’Independiente.

Il match comincia con il Boca che prende, praticamente da subito, il pallino del gioco, ma la sua manovra non risulta molto lineare, anche a causa delle dimensioni del terreno di gioco, non propriamente largo e con i cartelloni pubblicitari alla minima distanza regolamentare dalla linea del fallo laterale: la prima azione dell’equipo azul y oro arriva al 7° con uno scambio Bentancur – Zuqui, concluso con un tiro dall’uruguagio, fresco di firma con la Juve, ben bloccato dal portiere della Crema Hoyos. Il tasso tecnico è chiaramente sbilanciato verso gli uomini di Schelotto, accompagnati in trasferta dalla Doce itinerante,                                https://www.youtube.com/watch?v=8cZ0Vv73P_k

ma i padroni di casa si difendono con ordine, senza rischiare più di tanto e al 25° si affacciano nell’area avversaria con un tiro di Gudino, già a segno 8 volte in campionato, ma la sua conclusione è smorzata dal terzino sinistro colombiano Fabra e viene raccolta facilmente da Rossi. Lo stesso Gudino, al 36°, si libera di Pablo Perez e serve l’enganche Itabel, che però non riesce a impensierire Rossi, abile a bloccare a terra il piatto destro del numero 37 dell’Atletico e al 46° prova ancora Gudino l’azione personale, con un tiro che si spegne fuori di poco, ponendo così fine ad un primo tempo, tutto sommato equilibrato, ancora fermo sullo 0 a 0.

La ripresa si apre con gli stessi 22 in campo e al 5° annotiamo finalmente la presenza in campo del fino ad allora invisibile Darìo El Pipa Benedetto, che ci prova con una conclusione ampiamente velleitaria dai 30 metri, con palla che finisce docilmente tra le braccia di Hoyos. La pressione dell’equipo del Mellizo inizia a farsi più intensa e già all’8° Zuqui non arriva per poco a deviare in rete un preciso cross rasoterra di Fabra; ancora il terzino colombiano protagonista al 14° quando, servito da Pavon, effettua un cross basso che per pochissimo non vede pronto alla deviazione in rete capitan Pablo Perez.

Comincia la girandola dei cambi, che non muta più di tanto, il leit motif del match; l’unico sussulto degno di nota arriva al 40° con un incredibile incrocio dei pali colpito dal centrocampista dell’Atletico Moreno che, dopo una respinta di Insaurralde su un cross proveniente dal settore sinistro dell’attacco della Crema, fa partire un siluro dai 30 metri, lasciando di sasso il buon Rossi, salvato nella circostanza da una capitolazione quasi certa. Da segnalare l’ingresso, al 44°, per i padroni di casa dell’attaccante Montiel, dichiarato tifoso xeneize, il quale ha un fratello a cui la famiglia ha dato il nome di Juan Romàn, in onore di uno dei più grandi idoli del recente passato boquense, ovvero il Mudo Riquelme. Il match termina sullo 0 a 0, che rappresenta un’improvvisa battuta d’arresto nella corsa del Boca al titolo 2017, mentre per l’Atletico Rafaela una boccata d’ossigeno nella difficile rincorsa alla salvezza.

Il Boca sale a quota 45, ma della inseguitrici ne approfitta solo il Newell’s, che passa con un comodo 3 a 0 sull’Aldosivi, con le reti di Formica, della Fiera Maxi Rodriguez e di Victor Figueroa, riducendo così il distacco a 3 punti, mentre si bloccano per 1 a 1 nei match casalinghi sia l’Estudiantes contro l’Huracan sia il River contro il Sarmiento, nonostante il solito gol del capocannoniere Seba Driussi, facendosi così raggiungere a quota 39 dal Racing di Diego Cocca, vittorioso per 4 a 3 al Cilindro contro l’Atletico Tucuman.  Fa addirittura peggio il San Lorenzo, che riesce nell’impresa di perdere al Nuevo Gasometro per 1 a 0 contro la matricola Temperley, grazie ad una mezza papera del proprio portiere Torrico.

Gli altri risultati: Banfield – Quilmes 2-0; Defensa – Lanus 1-0; Velez – Union 2-1; R. Central – Gimnasia 2-1; S. Martin – Belgrano 2-1; Talleres – G.. Cruz 1-0; Arsenàl – Independiente 0-2; Patronato – Olimpo 3-4; Colon – Tigre 2-1
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 45 punti; NEWELL’S OLD BOYS 42 punti; ESTUDIANTES LP, RACING CLUB, RIVER PLATE, COLON 39 punti; SAN LORENZO 37 punti; BANFIELD 36 punti; INDEPENDIENTE, GIMNASIA Y ESGRIMA LP 34 punti; TALLERES C 33 punti; ROSARIO CENTRAL 31 punti; LANUS 30 punti; ATLETICO TUCUMAN, DEFENSA Y JUSTICIA, UNION 27 punti; GODOY CRUZ 26 punti; VELEZ SARSFIELD 25 punti; OLIMPO, ATLETICO RAFAELA, PATRONATO, TEMPERLEY 24 punti; HURACAN, SARMIENTO J, TIGRE, SAN MARTIN SJ 21 punti; ALDOSIVI 20 punti; QUILMES 19 punti; BELGRANO 14 punti; ARSENAL 11 punti.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 0,941
29° posto: SARMIENTO J coefficiente 1,014
28° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,044
27° posto: QUILMES, ARSENAL coefficiente 1,058

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 13 reti; BENEDETTO (boca juniors) 12 reti; SAND (lanus) 11 reti.

 

E ora i gol della fecha…
https://www.youtube.com/watch?v=PlpNQV7GU1o

Indiscrezione dell’ultim’ora in Argentina, secondo cui il prossimo 22 Maggio verrà ufficializzato l’ingaggio di Jorge Sampaoli come nuovo allenatore della Seleccion.
Questo invece il debutto di Nahuel “el perrito” Barrios  da Dock Sud,classe ’98, altezza 154cm con la maglia del San Lorenzo nella sfida di Copa Libertadores contro la Universidad Catolica de Chile….

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*