Don't Miss

PRIMERA ARGENTINA 18ma FECHA

lanus

di MC&TB | 5 aprile 2017

Giornata particolare in Argentina, in cui si celebrava il 35° anniversario della guerra delle Malvinas contro l’Inghilterra e,per omaggiare i 649 caduti argentini, tutte le squadre si sono unite in un minuto di raccoglimento prima di ogni incontro e ricordando con uno striscione e un’effigie sulle maglie la ricorrenza.

Come partita per Voi, abbiamo scelto un Clasico molto sentito, quello che si disputava all’Estadio Ciudad de Lanus – Nestor Diaz Perez, più comunemente conosciuto come la Fortaleza, tra Lanus e Banfield, chiamato El Clasico del Sur, in riferimento alla posizione geografica nella parte meridionale della grande provincia di Buenos Aires.

Il Granate di Aguirre, orfano del talentissimo paraguaiano Miguèl Almiron, volato ad Atlanta alla corte del Tata Martino, propone davanti il collaudato trio Silva – Laucha Acosta – Pepe Sand, mentre il Banfield del Gato Julio Cesar Falcioni propone in difesa l’ex Cagliari e Atalanta Carlos Matheu, sulla fascia destra l’esterno ex Palermo Mauricio El Gordo Sperduti e il grande ritorno, dopo le esperienze europee(Ajax e Nizza) e americane(Miami), di Darìo Cvitanich al centro dell’attacco, al posto del Tanque Silva, volato in Cile all’Universitad Catolica.

Il match si sblocca già al 3° minuto quando il difensore del Banfield Rodriguez atterra il Laucha Acosta in area, procurando un rigore e guadagnandosi il giallo da parte dell’arbitro Arganaraz: dal dischetto Sand batte Hilario Navarro e porta in vantaggio i padroni di casa, ma la supremazia nel punteggio dura appena 8 minuti, perchè all’11° arriva il pari del Taladro con capitan Bettini, abile a farsi trovare pronto sul palo dopo un tiro cross di Soto, deviato proprio da Sand. Il match si blocca per parecchi minuti, nei quali il Lanus tenta con una manovra avvolgente, diretta dal volante di centrocampo, il 26enne Ivan Marcone( fresco di prima convocazione in nazionale e da tenere assolutamente  d’occhio), di riportarsi in vantaggio, ma è invece il Banfield a rendersi più pericoloso, soprattutto al 43°, dopo un fallo laterale battuto velocemente da Cvitanich, il quale serve Brian Sarmiento che si trova a tu per tu con il portiere del Lanus Andrada, abile a chiudere lo specchio, respingendo il destro dell’enganche bianco – verde, ponendo di fatto fine al primo tempo.

La ripresa continua sugli stessi standard del primo tempo, intanto all’8° esce nel Lanus Aguirre per un guaio muscolare, sostituito da Pasquini, ma al 12° nuovo calcio di rigore per il Granate, per una netta spinta di Rodriguez su Sand e per il difensore del Taladro arriva l’inevitabile secondo giallo e la conseguente espulsione: Sand trasforma la massima punizione, riportando i suoi in vantaggio per  2 a 1 e costringendo Falcioni ad un cambio per riequilibrare la difesa, con l’ingresso di Civelli al posto di Soto. Ma al 21°, il sempre puntuale e vicino all’azione Arganaraz comanda il terzo rigore di giornata, stavolta per il Banfield, per un tocco di mano di Pepe Sand in un’azione di disimpegno dopo un corner: sul dischetto si presenta Sarmiento che batte Andrada per il 2 a 2.  Intanto, al 23° entra in campo, nelle fila del Lanus, l’oggetto misterioso della prima parte di stagione della Fiorentina, l’esterno ex Velez Hernàn Toledo, al posto di Silva, mentre nel Banfield esce Sarmiento ed entra Colela. Ma le speranze di mantenere il pari del Banfield, in inferiorità numerica, crollano al 34° quando il difensore Herrera corregge in rete un tiro di Almiron, battendo Hilario Navarro e portando definitivamente in vantaggio i padroni di casa. A nulla vale l’ultimo cambio proposto da Falcioni, che getta nella mischia Asenjo al posto di Sperduti, anzi al 42° Pepe Sand diventa l’hombre del partido firmando una tripletta che fissa il risultato sul 4 a 2.

In classifica, il Lanus raggiunge quota 29, a una sola lunghezza dai rivali del Banfield, mentre in testa continua la fuga solitaria del Boca,a quota 40,  a segno per 1 a 0 contro il Defensa alla Bombonera con gol partita del Pipa Darìo Benedetto dopo una superlativa giocata di Centurion; a -5 dagli Xeneizes resiste il Newell’s di Osella che vince al Colozo Marcelo Bielsa per 1 a 0 sull’Atletico Rafaela con bellissimo gol della Fiera Maxi Rodriguez( gol numero 4000 della storia del NOB), mentre arriva una battuta d’arresto per il San Lorenzo che, in vantaggio all’88° per 3 a 2 a Vitoria contro il Tigre, si fa raggiungere e poi superare sul 4 a 3 dal Matador complice decisioni discutibili dell’arbitro German Delfino che ha fischiato un discutibilissimo rigore per i padroni di casa all’89’ minuto e qualche minuto ha convalidato,sempre per i padroni di casa,un gol in fuorigioco . Da segnalare un black out elettrico che ha per un pò interrotto il match e la doppietta, nel Santo, del talentissimo e futuro craque Bautista Merlini. Per le altre grandi, riprende la corsa dell’Estudiantes, che impone il 2 a 0 all’Arsenàl, la vittoria esterna del River per 2 a 1 a Mendoza contro il Godoy Cruz con un Pity Martinez in forma smagliante, la vittoria in rimonta  del Racing per 3 a 2 a Quilmes ed il pari di Avellaneda tra Independiente e Velez.

Gli altri risultati: Atl. Tucuman – Gimnasia 0-1;  Temperley – Aldosivi 1-0; Belgrano – Colon 0-1;Sarmiento – R.Cental 2-2; Huracan – Patronato 0-0; Olimpo – San Martin 0-0; Union – Talleres 4-2
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 40 punti; NEWELL’S OLD BOYS 35 punti; ESTUDIANTES LP, SAN LORENZO 34 punti; RIVER PLATE 32 punti; RACING CLUB, GIMNASIA Y ESGRIMA LP, COLON, BANFIELD 30 punti; LANUS 29 punti; TALLERES C, UNION 26 punti; ATLETICO TUCUMAN, INDEPENDIENTE 24 punti; PATRONATO, GODOY CRUZ 23 punti; ROSARIO CENTRAL 22 punti; TIGRE, ATLETICO RAFAELA 21 punti; OLIMPO, SARMIENTO J, DEFENSA Y JUSTICIA, ALDOSIVI, TEMPERLEY 20 punti; HURACAN, VELEZ SARSFIELD, QUILMES 19 punti; SAN MARTIN SJ 16 punti; BELGRANO 13 punti; ARSENAL 8 punti.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 0,939
29° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,031
28° posto: SARMIENTO J coefficiente 1,046
27° posto: OLIMPO, ARSENAL coefficiente 1,060

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 11 reti; BENEDETTO (boca juniors), SAND (lanus), SCOCCO (newell’s old boys) 10 reti; CAUTERUCCIO (san lorenzo), LUNA (tigre) 9 reti.

 

Vi  lasciamo con il video dei 40 gol della fecha(alcuni bellissimi) ed un’immagine particolare del 40enne portiere dell’Aldosivi Campodonico, in partita speciale quale è stata per lui quella contro il Temperley…
https://www.youtube.com/watch?v=VqeUFc3GXkc

Campodónico ha quasi 40 anni, e gioca nell'Aldosivi di Mar del Plata. La sua carriera è però cominciata nella sua squadra del cuore, il Temperley. Nell'ultimo fine settimana, Temperley e Aldosivi hanno giocato contro e Campodónico è stato il protagonista della partita. Non per le sue parate. Ma per quel tatuaggio sulla sua gamba destra... Il simbolo della squadra rivale di quella con cui giocava. Alla fine il Temperley ha vinto 1-0...

Campodónico ha quasi 40 anni, e gioca nell’Aldosivi di Mar del Plata. La sua carriera è però cominciata nella sua squadra del cuore, il Temperley. Nell’ultimo fine settimana, Temperley e Aldosivi hanno giocato contro e Campodónico è stato il protagonista della partita. Non per le sue parate. Ma per quel tatuaggio sulla sua gamba destra… Il simbolo della squadra rivale di quella con cui giocava. Alla fine il Temperley ha vinto 1-0…

 

 

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*