Don't Miss

Le promesse di ADV

image1

di Matteo Bellini | 19 gennaio 2017

Fiorentina 2 Juventus 1, partita dominata per 90 minuti, prestazione MAIUSCOLA da parte di tutti i ragazzi, che tirano fuori tutto quello che hanno, forse di più, un grandissimo Paulo Suosa, a cui c’è voluto tanto per capire che Tomovic, Tello e Ilicic non possono giocare a pallone(ma forse la società spinge un po’ per la titolarità dei tre).

La Fiorentina finalmente ha trovato la quadra, due centrocampisti centrali, Borja che fa da raccordo con l’attacco, libero di svariare sulla trequarti, Chiesa e Bernardeschi, entrambi esplosi calcisticamente ai lati di Kalinic, che a 29 anni diventa bomber, il resto viene completato da due esterni a caso e la coppia centrale Gonzalo Astori. Questa squadra, quando in forma, in partita secca, se la può giocare contro tutti in Italia, e domenica è stata la dimostrazione, una coppa Italia, facendo riposare gli interpreti migliori la domenica, potrebbe diventare l’obiettivo stagionale, certo, perderesti ancora più terreno in campionato, ma il disatcco dalla sesta è gia importante, e per le 38 giornate ci sono almeno sei formazioni(rose) più attrezzate di noi.

Sarebbe il momento di regalare al mister due onesti pedatari, per completare la squadra, e invece come al solito si vende, dando via il finalizzatore, con la solita manfrina. Si parte con la dichiarazione del presidente onorario, “Kalinic è blindato con una clausola da 50 milioni”, per poi tramite i soliti noti, rigirare la frittata, facendo finta che sia lui a voler andar via, completando il cerchio con altre notizie che minano la serenità di un gruppo, che si sta ritrovando, un esempio è il  mancato rinnovo di Gonzalo. Probabilmente la società non vuole rischiare che il futuro leader e capitano faccia panchina il prossimo anno, grande Nenad, sei veramente un privilegiato.

Kalinic, e lo sanno anche i muri, non vorrebbe andare via, preferirebbe concludere la stagione a Firenze, andando in un top team a giugno, rinunciando a 10 milioni l’anno, per prenderne 6 in Premier il prossimo, ma ha i fucili puntati, deve andare via in nome della plusvalenza.

Il problema, come al solito, non è chi dai via, ma chi prendi al suo posto, ma soprattutto, visto che l’offerta per Kalinic è sul tavolo di Cognigni da mesi, una società che fa calcio, aveva già preso un sostituto, invece i nostri tre fenomeni della calcolatrice pensano solo al tasto +!

Eppure, come già detto, il presidente onorario, aveva dichiarato che aveva blindato Kalinic con la clausola, e che per meno di 50 milioni non sarebbe stato ceduto, e invece dovrebbe finire un po’ come con la clausola di Montella.

Ma perché parla Andrea, se ogni volta che parla viene sbugiardato nel giro di 1 mese al massimo?

 

La vicenda Alonso dovrebbe aver insegnato qualcosa al tifoso Fiorentino, offerta del Chelsea sul tavolo da maggio, venduto per finta il 31 agosto, e zero soldi investiti, facendo finta non ci fosse tempo per farlo. Purtroppo, ancora, i più impauriti dalla neve di Gubbio, sono pronti alla colossale festa al piazzale per una plusvalenza di 35 milioni, che andrà a coprire l’ennesimo buco di bilancio. Mi domando, ma se son così bravi con la calcolatrice, come fanno a fare buchi su buchi e non esser giudicati negativamente per questo? Ne dalla proprietà, ne dalla carta stampata.

 

Parliamo delle alternative? Tempo fa scherzando dicevo un IC a caso mezzo rotto, ipotizzando Djordjevic, invece probabilmente andremo su Seferovic, non ci sono andato tanto lontano… Speriamo che per la gioia di tanti, diventi una plusvalenza pure lui tra qualche anno.

Fortunatamente, come nei primi anni 90, la stagione con la vittoria contro i gobbi è salva, e vista la mancanza di altri obiettivi, si può smantellare già da gennaio, senza aspettare giugno come da due anni a questa parte.

Speriamo che questa agonia calcistica finisca presto, e che sia come già successo in altre piazze, ovvero che la svendita del patrimonio giocatori, con abbassamento dei costi al minimo, porti alla cessione della società, con la conseguente liberazione definitiva da questi USURPATORI DI SOGNI MARCHIGIANI!

Concludo ringraziando tutto il comparto sportivo di ACF IN FIORENTINA per la prestazione di domenica, e la splendida cornice di pubblico, per una volta, come auspicato, Firenze e la Fiorentina sono tornate ad essere un’unica entità.

 

Matteo Bellini

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*