Don't Miss

Jeremy Toljan, l’eclettico: la fascia destra della Germania dorme sonni tranquilli

Jeremy Toljan

di Filippo Razzolini | 5 settembre 2016

Non è una novità: in Bundesliga non c’è alcun timore di dare fiducia ai giovani calciatori, di scommettere sulle loro qualità, valorizzarne le doti e permettere loro una crescita più rapida; ovviamente questo comporta anche la possibilità di sbagliare, non va dimenticato. Niente di eclatante, se un ragazzo non gioca e non si fa le ossa in modo adeguato difficilmente potrà crescere in fretta: i 3 anni fatti disputare nelle formazioni Primavera ai calciatori italiani sono enigmatici. Tornando alla Germania, l’Hoffenheim è una squadra che lavora molto coi giovani, e le presenze fra i titolari di Sule, Amiri, Ochs, e non solo, lo dimostrano. Kevin Volland, altro talento splendido, fin dall’età di 20 anni ha giocato in prima squadra e dopo aver ben figurato con la squadra bianco-azzurra ha conquistato la nazionale e un ricco contratto col Bayer Leverkusen. Lo stesso vale per Sebastian Rudy, classe 90’, dal 2010 titolare con l’Hoffenheim, esso stesso componente della nazionale tedesca. Ed infine Jeremy Toljan, splendido terzino in assoluta rampa di lancio, protagonista della rubrica odierna. Toljan, (08/08/1994), ha solo 22 anni ma mostra una duttilità ed una adattabilità fuori dal comune. Nato a Stoccarda da mamma croata e papà afroamericano, quest’ultimo morto quando lui era ancora piccolo. Tira i primi calci al pallone nella scuola calcio del Grun-Weiss Sommerrain 1989, quindi passa all’Hoffenheim nel 2012. Gioca senza alcun problema sia sulla fascia destra che sulla fascia sinistra; nonostante sia un destro puro, è probabilmente a sinistra che dà il meglio di sè. Grande temperamento, spiccata personalità e qualità tecnica di tutto rispetto, Toljan è un vero e proprio stantuffo in grado di accompagnare l’azione offensiva con continuità ed efficacia. Ottimo nel cross, attento in copertura, è un terzino a tutto tondo. Recentemente ha disputato da titolatissimo i Giochi Olimpici con la Germania, conquistando la medaglia d’argento ed attirando gli sguardi di tanti grandi club: il terzino tedesco è prontissimo al salto di qualità, e a conquistare pure Joachim Low, ct della nazionale tedesca.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*