BernardoBrovarone.it http://www.bernardobrovarone.it Il calcio visto a modo nostro Fri, 23 Jun 2017 14:09:50 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.6 116180448 PRIMERA ARGENTINA 29ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-29ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-29ma-fecha/#respond Fri, 23 Jun 2017 14:09:50 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1365 Turno infrasettimanale in Argentina e subito il verdetto più importante, infatti nella serata di martedì, grazie alla sconfitta del Banfield per 1 a 0 al Nuevo Gasometro contro il San Lorenzo, a segno grazie ad  una sontuosa definizione con un sombrerito del Cabezon Belluschi, il Boca Juniors, prima ancora di scendere in campo,  può così festeggiare il titolo: primo trofeo da allenatore per El Mellizo Guillermo Barros Schelotto, dopo i 16 conquistati da giocatore con la camiseta azul y oro, per cui diventa ininfluente il pari per 2 a 2 a Bahia Blanca contro l’Olimpo, impegnato come non mai ad evitare il quart’ultimo posto nella classifica del Promedio, che porterebbe i giallo – neri dritti in Segunda Division. A segno per gli Xeneizes Centurion ed il capocannoniere Darìo El Pipa Benedetto, mentre per l’Olimpo autorete di Magallan e Cabral.

Ma l’attenzione di tutti è concentrata sulle notizie provenienti da Nunez, dove rischia di aprirsi uno scandalo epocale in casa River Plate: prima la notizia della positività ad un diuretico per il promettente Lucas Martinez Quarta, dopo il match di Libertadores contro l’Emelec, arrivata poche ora prima del match che i Millionarios disputassero e vincessero proprio con un gol di Martinez Quarta contro l’Aldosivi, ma non era che l’inizio, infatti poi sono arrivate le notizie di due ulteriori positività, quelle di Camilo Mayada e della stella assoluta Seba Driussi, tutte per lo stesso diuretico. Nella nottata tra mercoledì e giovedì, addirittura rimbalzano voci secondo cui i positivi sarebbero addirittura 7; ancora i contorni della vicenda non sono del tutto chiari, anche perchè se si trattasse, come potrebbe apparire, di una contaminazione, volontaria o meno, del solito integratore usato da più elementi della rosa riverplatense, è chiaro che il quadro delle responsabilità ascrivibili ai giocatori muterebbe enormemente, mentre resta senz’altro complicata la posizione del club del presidente D’Onofrio.

Tornando ai risultati del turno, colpo esterno dell’Estudiantes che batte per 2 a 0 il Godoy Cruz, l’Independiente vince a Santa Fè contro l’Union per 3 a 0 con una dupla di Emiliano Rigoni, accostato da alcuni siti internet alla Fiorentina, il Racing ha la meglio, al Cilindro, del Colon per 1 a 0, il Lanus regola alla Fortaleza l’Huracan per 2 a 0 con le reti dei suoi due attaccanti di riferimento Pepe Sand e Tanque Denis, mentre continua la crisi di risultati, oltre che societaria, del Newell’s sconfitto a Cordoba dal Belgrano per 2 a 1.

Gli altri risultati: Gimnasia – S. Martin 2-0; R. Central – Talleres 3-3; Quilmes – Arsenàl 2-2; Temperley – Defensa 2-3; Sarmiento – Patronato 1-3; Tigre – Atl. Rafaela 1-0; Atl. Tucuman – Velez 1-1

E ora i gol della fecha…

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-29ma-fecha/feed/ 0 1365
PRIMERA ARGENTINA 28ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-28ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-28ma-fecha/#respond Mon, 19 Jun 2017 12:58:19 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1362 E’ stata una giornata che ha visto un risultato a sorpresa, quella appena trascorsa in Argentina,  che ha di fatto quasi consegnato il titolo nelle mani del Boca Juniors, ovvero l’inopinata sconfitta al Monumental del River Plate per 3 a 2 contro il Racing di Avellaneda, grazie alle reti di Lautaro Martinez che, con un vero e proprio gollonzo su rimpallo dopo un rinvio non irreprensibile di Martinez Quarta porta l’Academia in vantaggio, di Barbieri e dell’ennesima perla negativa dell’arquero millionario Batalla che, con un’uscita a dir poco scriteriata, lascia incustodita la porta, permettendo a Acuna di siglare da posizione defilata il momentaneo 3 a 0 che gela l’intero Antonio Vespucio Liberti: a nulla valgono le due reti messe a segno nei minuti finali da Larrondo e Maidana. Pertanto gli uomini di Gallardo restano fermi a quota 52, a -7 dagli Xeneizes di Schelotto che passeggiano a Mar del Plata per 4 a 0 contro l’Aldosivi grazie alle segnature di Pavon, Centurion, Gago e Silva; da segnalare il disguido capitato al Boca che ha dovuto pernottare in quel di Mar del Plata a causa di un grave problema occorso al velivolo che avrebbe dovuto riportare gli Xeneizes in quel di Buenos Aires, ovvero la rottura totale del vetro della cabina piloti. Per fortuna tutto ciò non è accaduto in volo, altrimenti staremmo a parlare di un’altra tragedia dopo quella della Chapecoense. Al secondo posto e ancora matematicamente in lotta per il titolo, sale il Banfield di Falcioni, a – 5 dal Boca, all’ottava vittoria consecutiva, grazie al 3 a 1 al  Florencio Sola sul Rosario Central, con le reti del Gordo Mauricio Sperduti, di Brian Sarmiento e di Darìo Cvitanich, mentre per Las Canallas gol di Carizzo. Da segnalare anche il tonfo del San Lorenzo de Almagro al Cementerio de Los Elefantes contro il Colon che s’impone per 2 a 1 e la notizia del mancato rinnovo contrattuale del Gordo Nestor Ortigoza, che a fine giugn molto probabilmente lascerà Boedo.

Nel weekend abbiamo seguito per Voi il match del Centenario di Quilmes tra l’Estudiantes, in trasferta a causa dell’indisponibilità del Ciudad de la Plata ed il Belgrano di Cordoba: il Pincha, reduce dalla clamorosa eliminazione in Copa Argentina per mano della squadra del Pacifico di General Alvear, categoria Federal B, che ha portato alle dimissioni di Nelson Vivas e all’interregno per le ultime tre partite dell’ex giocatore ed idolo biancorosso Leandro El Chino Benitez, in porta troviamo l’ex Catania Mariano Andujar, premiato dal presidente, Juan Sebastian La Brujita Veròn, per la sua 200esima presenza con l’Estudiantes,al centro della difesa il referente assoluto Leandro El Chavo Desabato, classe 1979, con contratto in scadenza a fine giugno e con voci che lo vogliono molto vicino al ritiro, mentre vanno in panchina il centravanti ex Boca Lucas Viatri e una delle nuove sensazioni del Futbol Albiceleste, ovvero il difensore centrale classe 1998 Foyth, addirittura entrato nel mirino del Loco Marcelo Bielsa per il suo Lille, mentre per il Pirata del Gallego Mendez, segnaliamo la presenza del talentissimo Lucas Melano,vero uomo simbolo dell’equipo di Cordoba. Fin da subito i padroni di casa impongono il proprio ritmo alla manovra, nonostante un terreno di gioco allucinante per una competizione così importante ed al 17° sbloccano il risultato grazie a Toledo, che ribadisce in rete una conclusione di Otero, finita sul palo: il primo tiro del Belgrano arriva solamente al 34° con lo shoot di Melano che sfiora il montante della porta difesa da Andujar, ma al 44° il Pincha chiude i giochi con il cabezasso di Desabato che svetta di testa su corner di Dubarbier e fredda Acosta.  Nella ripresa non accade praticamente nulla, con l’Estudiantes che controlla il punteggio ed il Belgrano che non riesce minimamente a provare anche solo una flebile reazione, per cui i bianco – rossi di La Plata s’impongono per 2  a 0 e salgono a quota 50, al quarto posto che vale l’accesso alla Libertadores 2018, con un punto di vantaggio su San Lorenzo, Racing, Newell’s bloccato sull’ 1 a 1 al Colozo dal Lanus e sull’Independiente, fermato ad Avellaneda sempre per 1 a 1 dall’Olimpo.

Ci sono, intanto, i primi verdetti del Descenso, con la retrocessione di Sarmiento, sconfitto allo Josè Amalfitani per 5 a 1 dal Velez di Defelippe, Atletico Rafaela e Quilmes, che nel match che li vedeva impegnati l’uno contro l’altro, hanno pareggiato per 1 a 1.

Gli altri risultati: San Martin – Temperley 0-1; Huracan – Union 1-0; Talleres – Gimnasia 0-1; Arsenàl – G. Cruz 1-2; Patronato – Tigre 0-2; Defensa – Atl. Tucuman 3-0

CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 59 punti; BANFIELD 54 punti; RIVER PLATE 52 punti; ESTUDIANTES LP 50 punti; NEWELL’S OLD BOYS, INDEPENDIENTE, SAN LORENZO, RACING CLUB 49 punti; COLON 48 punti; LANUS 46 punti; DEFENSA Y JUSTICIA 43 punti; ROSARIO CENTRAL 42 punti; TALLERES C, GIMNASIA Y ESGRIMA LP, GODOY CRUZ 40 punti; ATLETICO RAFAELA 37 punti; TEMPERLEY 36 punti; VELEZ SARSFIELD 35 punti; OLIMPO 34 punti; UNION, SAN MARTIN SJ 32 punti; ATLETICO TUCUMAN 31 punti; PATRONATO 30 punti; HURACAN, TIGRE 28 punti; SARMIENTO J, ALDOSIVI 25 punti; QUILMES 24 punti; ARSENAL 23 punti; BELGRANO 22 punti.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,973 – retrocesso in B NACIONAL
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 1,010 – retrocesso in B NACIONAL
28° posto: QUILMES coefficiente 1,032 – retrocesso in B NACIONAL
27° posto: OLIMPO coefficiente 1,096

CLASSIFICA MARCATORI:
BENEDETTO (boca juniors) 18 reti; DRIUSSI (river plate) 17 reti; SAND (lanus) 14 reti; PAVONE (velez sarsfield) 13 reti.

E ora i gol della fecha, con appuntamento in settimana per il report sulla 29a giornata, che potrebbe sancire la vittoria del torneo da parte del Boca…
https://www.youtube.com/watch?v=HKhXD5fd_R8

 

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-28ma-fecha/feed/ 0 1362
PRIMERA ARGENTINA 27ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-27ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-27ma-fecha/#respond Tue, 06 Jun 2017 13:45:44 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1357 Giornata cruciale per il Futbol Albiceleste, infatti le due storiche rivali d’Argentina, Boca Juniors e River Plate, si presentavano ai rispettivi incontri, separate da appena 1 punto, dopo che i Millionarios avevano vinto il recupero contro l’Atletico Tucuman per 3 a 0, per cui abbiamo puntato la nostra attenzione sul match del Pedro Bidegaìn, meglio conosciuto come El Nuevo Gasometro, dove il River era ospite del San Lorenzo de Almagro.

Il Cuervo di Aguirre si schiera con l’undici tipo, in cui Blandi funge da unico terminale offensivo, supportato alle sue spalle dal Pocho Ezequiel Cerutti, dal Gordo Nestor Ortigoza, dal Cabezon Fernando Belluschi, grande ex di turno e dal sempre più incisivo Bautista El Mago Merlini, mentre nell’equipo del Muneco Marcelo Gallardo registriamo la pesantissima assenza, causa squalifica, del bomber Lucas El Flaco Alario, sostituito dal Pibe ex Estudiantes Carlos Auzqui, chiamato a fare coppia con Seba Driussi, dato partente da molti media argentini come primo colpo della gestione Monchi a Roma.

Agli ordini del signor Herrera, comincia il match, nella solita cornice di grande passione del Gasometro, con la Gloriosa Butteler a guidare Los Cuervos

anche se sul campo è il River a partire meglio, con una punizione al 7° del Pity Martinez che costringe Navarro alla deviazione in corner, ma alla primissima azione, il Santo sblocca il punteggio con una stupenda girata al volo dell’ex Boca Nico Blandi che, in mezzo a Martinez Quarta e Maidana, conclude in porta uno stupendo cross di Belluschi su rimessa laterale di Diaz, ma la Banda reagisce prontamente e perviene al pareggio grazie al solito Seba Driussi, che trasforma al 18° un penalty concesso per un netto fallo di mano di Angeleri su tiro del Pity Martinez. Lo stesso numero 10 millionario si rende pericoloso al 22° con uno shoot, su assist dell’ex Newell’s Milton Casco, che finisce fuori di poco, ma la partita del River cambia improvvisamente al 26°, quando Gallardo deve sostituire, per noie muscolari, Driussi con l’uruguagio Ivàn Alonso; la manovra della Banda ne risentirà in maniera decisiva, nonostante il primo tempo veda sempre gli uomini di Nunez mantenere il pallino del gioco. Dopo alcuni timidi tentativi del Cuervo di appropriarsi della superiorità a centrocampo, dove brilla per tecnica e movimenti ficcanti il Mago Bautista Merlini, al 47° si chiude il primo tempo sul punteggio di 1 a 1.

Con gli stessi 22 della prima frazione, si riparte per la ripresa, con un Santo molto più pimpante, pericoloso già al 7° con un tiro di Belluschi, su assistenza di Merlini e la superiorità degli uomini di Aguirre si concretizza al 10° con il gol del 2 a 1 del cileno Diaz, grazie all’ennesima frittata di questo torneo del portiere millionario Augusto Batalla, che respinge di pugno sulla schiena del difensore azulgrana una palla calciata da Belluschi su punizione, per un fallo del Pity Martinez dopo un doppio tunnel del Cabezon su Leo Ponzio e Nacho Fernandez
https://www.youtube.com/watch?v=PjQMKDEnasM&feature=share
ma, come nel primo tempo, dopo pochissimi minuti, il River potrebbe riagguantare il pari, infatti al 13°, Auzqui spara altissimo di fronte a Navarro una stupenda palla fornitagli da Martinez. Gallardo rinforza ulteriormente il fronte offensivo con l’ingresso dell’ex Siena e Fiorentina Marcelo Larrondo al posto di Ariel Rojas, mentre nel Cuervo escono Ortigoza e Cerutti per El Pichi Mercier e Rubèn Botta, ma il leit motif della ripresa, che vede un estenuante possesso palla riverplatense,senza grandi sbocchi offensivi, non muta praticamente più; da rimarcare inoltre una colossale occasione per il 3 a 1 del San Lorenzo, con Botta che spedisce a lato da ottima posizione, davanti alla porta di Batalla e, dopo 3 minuti di recupero, in cui tutto il Gasometro tributa una standing ovation all’hombre del partido Merlini, sostituito al 46° dal Perrito Barrios, il match termina con la vittoria del San Lorenzo per 2 a 1 sul River, con il Santo che arriva a 49 punti in classifica.

Del passo falso della Banda,che resta ferma in classifica a quota 52,ne approfitta il Boca Juniors che regola l’Independiente alla Bombonera per 3 a 0, grazie alla dupla del capocannoniere Darìo El Pipa Benedetto e al gol di Benitez, salendo così a 56 punti. Al terzo posto,a quota 51,grazie alla settima vittoria consecutiva, sale il Banfield di Falcioni che s’impone a La Plata sul Gimnasia per 2 a 1 con le reti di Civelli e di Darìo Cvitanich, protagonista in settimana di un “caso” di gossip dopo il match vinto contro il Temperley, in cui l’attaccante ex Boca, dopo un gol annullato, si era fermato a bordo campo, ricevendo e contraccambiando sorrisi con una fotografa
https://www.youtube.com/watch?v=uGxVyfAKo6o
, suscitando l’ira della consorte, la modella Cecilia Bonelli, che su Twitter ha “invitato” il marito a cercare un nuovo letto per passare la notte. A quota 48 troviamo il Newell’s, sconfitto a Santa Fè dall’Union per 2 a 1, in cui i problemi economici del club stanno ormai dilaniando tutto l’ambiente leproso, con i giocatori senza stipendio da alcuni mesi e con le dimissioni di Osella, sostituito per gli ultimi 3 match di stagione dal tecnico della Reserva Vojvoda.

Gli altri risultati: Sarmiento – Defensa 1-0; G. Cruz – Atl. Rafaela 0-2; Tigre – Velez 0-3; R. Central – Colon 0-0; Temperley – Talleres 2-1; Lanus – Estudiantes 1-0; Belgrano – Arsenàl 1-2; Olimpo – Huracan 3-1; Atl. Tucuman – S. Martin 1-2; Quilmes – Patronato 0-1; Racing – Aldosivi 1-1

CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 56 punti; RIVER PLATE 52 punti; BANFIELD 51 punti; SAN LORENZO 49 punti; NEWELL’S OLD BOYS 48 punti; ESTUDIANTES LP 47 punti; RACING CLUB 46 punti; INDEPENDIENTE, LANUS, COLON 45 punti; ROSARIO CENTRAL 42 punti; TALLERES C, DEFENSA Y JUSTICIA 40 punti; GIMNASIA Y ESGRIMA LP, GODOY CRUZ 37 punti; ATLETICO RAFAELA 36 punti; OLIMPO, TEMPERLEY 33 punti; UNION, SAN MARTIN SJ, VELEZ SARSFIELD 32 punti; ATLETICO TUCUMAN 31 punti; PATRONATO 30 punti; HURACAN, TIGRE, SARMIENTO J, ALDOSIVI 25 punti; ARSENAL, QUILMES 23 punti; BELGRANO 22 punti.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,986
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 1,010
28° posto: QUILMES coefficiente 1,032
27° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,082

CLASSIFICA MARCATORI:
BENEDETTO (boca juniors) 18 reti; DRIUSSI (river plate) 17 reti; SAND (lanus) 14 reti; ALARIO (river plate), SCOCCO (newell’s old boys) 12 reti.

Vi diamo appuntamento tra 2 settimane, con il torneo fermo per i primi 2 match del nuovo corso della Seleccion targato Jorge Sampaoli, contro Brasile e Singapore.

E ora i gol della fecha:
https://www.youtube.com/watch?v=sU1kFl-xTGE

Ultim’ora: Caruso Lombardi torna in panchina; ieri e’ stato annunciato come nuovo allenatore del Tigre, dopo le dimissioni di Facund Sava di domenica scorsa, e domani dirigera’ il primo allenamento. per Ricardo Caruso Lombardi, che non allenava dalla fine dell’anno scorso, quando lascio’ l’Huracan, si tratta della terza volta che siedera’ sulla panchina dell’ estadio Josè Dellagiovanna, uno stadio che lo ha visto vincere nel 2004 la Primera B Metropolitana e nel 2005 la Primera B Nacional.

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-27ma-fecha/feed/ 0 1357
PRIMERA ARGENTINA 26ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-26ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-26ma-fecha/#respond Tue, 30 May 2017 20:36:32 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1352 Ci stiamo avvicinando alla conclusione della stagione in terra Albiceleste e le emozioni si fanno sempre più numerose: questa settimana, per Voi, abbiamo seguito il match del Florencio Sola, in cui i padroni di casa del Banfield ospitavano i Celeste del Temperley, in una sorta di piccolo Clasico del Sur, visto che le città delle due squadre si trovano molto vicine, nella parte meridionale della sterminata provincia di Buenos Aires. Il Taladro del Gato Julio Cesar Falcioni, reduce da una striscia di 5 vittorie consecutive, propone la formazione tipo con un 4-4-1-1, in cui spiccano l’enganche Brian Sarmiento, gli ex Palermo Bertòlo e Sperdutti sulle fasce e come finalizzatore l’ex Ajax, Bastia e Boca Darìo Cvitanich, mentre per i visitantes,in piena lotta Promedio, nella cui classifica occupano la 27esima posizione, quindi la prima in cui si retrocede,  il tecnico Gustavo Alvarez schiera un 4-3-3 in cui segnaliamo la presenza dell’ex Argentinos Juniors Figueroa e, al centro della difesa, dell’ex San Lorenzo e Newell’s Gaston Aguirre.

Agli ordini del signor Espinoza, comincia il match e subito i bianco verdi del Banfield ci provano al 3° con una conclusione di Bertòlo, respinta dal portiere celeste De Bortoli; il pallino del match finisce ben presto dalle parti della squadra di Falcioni, in cui spicca per pericolosità Nicolàs Bertòlo, un vero mattatore sulla fascia sinistra. Verso la metà del primo tempo, assistiamo ad un piccolo calo nella manovra del Taladro, ma il Temperley non riesce ad approfittarne, non imbastendo alcuna proposizione offensiva, dimostrando una pressochè totale inconsistenza dal centrocampo in avanti. Al 43° svolta nel match, grazie alla marcatura di Bertòlo, che di testa infila la porta di De Bortoli, su preciso corner di Sarmiento: un vantaggio tutto sommato meritato per il Banfield che, addirittura, riesce a raddoppiare al 46° con una definizione stilosa del Pibe Emanuel Cecchini, classe Dicembre 1996, che con un destro al fulmicotone dai 25 metri trafigge nuovamente la porta di De Bortoli, chiudendo così la prima frazione di gioco sul doppio vantaggio per il Taladro.

La ripresa si apre con un cambio per il Temperley, con Romero che prende il posto di Peralta, ma la musica, rispetto al primo tempo, non muta affatto, con il Banfield a condurre sempre le operazioni. All’8° Falcioni deve rinunciare a Sarmiento, che si blocca per un indurimento muscolare, facendo entrare Villagra, mentre al 14° registriamo la prima azione pericolosa per il Temperley, con Figueroa che conclude a botta sicura, ma colpisce una clamorosa traversa, con il pallone che cade molto vicino alla linea della porta difesa da Hilario Navarro, il tutto preludio al gol del 2 a 1 al 17° con il delantero uruguagio Guevgeozian, che conclude con un destro al volo su un cross di Figueroa, trovando il varco sul primo palo di un non irreprensibile Navarro. In maniera totalmente inaspettata, gli ospiti rientrano in partita e danno la netta impressione di poterla addirittura pareggiare, infatti al 21° Aguirre, di testa, sfiora il clamoroso 2 a 2, ma al 23° il Taladro chiude tutti i discorsi con il gol del 3 a 1, messo a segno da Villagra, che con un destro sul secondo palo, chiude magnificamente un’azione imbastita da Cvitanich, hombre del partido. Il match scorre senza ulteriori sussulti fino al 94°, quando il triplice fischio di Espinoza suggella la sesta vittoria consecutiva per il Gato Falcioni, lanciatissimo verso la zona Libertadores, a quota 48 punti, a pari merito con il Newell’s, vincitore al Coloso per 3 a 2 sull’Olimpo di Bahia Blanca.

In vetta frenano entrambe le big di Buenos Aires, con il Boca che arriva a quota 53, con il pari del Parque Patricios contro l’Huracan, che raggiunge gli Xeneizes nel recupero del secondo tempo con il gol di Romero, che impatta la segnatura iniziale degli uomini di Barros Schelotto da parte del Pipa Benedetto, mentre il River, che sale a quota 49 punti, in attesa di disputare Mercoledì 31 Maggio il recupero contro l’Atletico Tucuman, si blocca sullo 0 a 0 al Monumental contro Las Canallas del Rosario Central di Pablo Montero. Momenti di fortissima tensione all’Antonio Vespucio Liberti, nati dalla decisione della polizia di controllare tutte le persone che accedevano alla Tribuna Centenario, per impedire l’ingresso ad alcuni componenti della barra più caliente del River, colpiti da “Derecho de Admision”(una sorta di daspo argentino), con conseguente mega ingorgo ed animi iper surriscaldati,con la stessa polizia che per disperdere il grande assembramento non ha esitato a lanciare lacrimogeni. Da segnalare il successo al Cilindro del Racing, nel Clasico contro il San Lorenzo, per 2 a 1.

Gli altri risultati: Aldosivi – Independiente 0-0; Colon – Gimnasia 1-2; S. Martin – Sarmiento 4-2; Defensa – Tigre 1-0; Arsenàl – Lanus 0-2; Talleres – Atl. Tucuman 2-1; Atl. Rafaela – Belgrano 1-2; Patronato – g. Cruz 0-3; Estudiantes – Union 2-0; Velez – Quilmes 0-0
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 53 punti; RIVER PLATE* 49 punti; NEWELL’S OLD BOYS, BANFIELD 48 punti; ESTUDIANTES LP 47 punti; SAN LORENZO 46 punti; INDEPENDIENTE*, RACING CLUB 45 punti; COLON 44 punti; LANUS 42 punti; ROSARIO CENTRAL 41 punti; TALLERES C, DEFENSA Y JUSTICIA* 40 punti; GODOY CRUZ, GIMNASIA Y ESGRIMA LP 37 punti; ATLETICO RAFAELA 33 punti; ATLETICO TUCUMAN* 31 punti; OLIMPO*, TEMPERLEY 30 punti; UNION, SAN MARTIN SJ, VELEZ SARSFIELD 29 punti; PATRONATO 27 punti; HURACAN, TIGRE 25 punti; ALDOSIVI 24 punti; QUILMES 23 punti; BELGRANO, SARMIENTO J 22 punti; ARSENAL* 17 punti.

*: RIVER PLATE, INDEPENDIENTE, DEFENSA Y JUSTICIA, ATLETICO TUCUMAN, OLIMPO, ARSENAL, 1 partita in meno.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,958
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 0,989
28° posto: QUILMES coefficiente 1, 044
27° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,055

CLASSIFICA MARCATORI:
BENEDETTO (boca juniors), DRIUSSI (river plate) 16 reti; SAND (lanus) 14 reti; ALARIO (river plate), SCOCCO (newell’s old boys) 12 reti.

 

E ora i gol della fecha…
https://www.youtube.com/watch?v=8poXs6bivg0

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-26ma-fecha/feed/ 0 1352
PRIMERA ARGENTINA 25ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-25ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-25ma-fecha/#respond Tue, 23 May 2017 13:52:03 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1348 Le attenzioni di tutti gli sportivi argentini erano rivolte alla Bombonera, dove gli uomini di Schelotto, reduci dalla dura lezione ricevuta dal River, affrontavano nel big match della giornata un Newell’s, reduce anche’esso da una sonora batosta nel Clasico contro il Central: il Boca ha risposto presente, vincendo per 1 a 0 con gol del Pipa Darìo Benedetto, portandosi a quota 52 punti e distanziando los Leprosos di 7 lunghezze.

Per voi, abbiamo seguito il match della diretta inseguitrice degli azul y oro, vale a dire il San Lorenzo de Almagro che, al Pedro Bidegaìn, più conosciuto come El Nuevo Gasometro, riceveva l’Aldosivi, formazione di Mar del Plata, impegnata nella lotta per non retrocedere. Per questo match, il tecnico del Cuervo Aguirre operava un mini turnover, rispetto alla formazione che in settimana aveva eliminato il Flamengo nell’ultimo turno della fase a gironi di Libertadores, pertanto in porta spazio a Nicolàs Navarro, in difesa all’ex Newcastle Fabricio Coloccini, a centrocampo al Pichi Mercier e all’ex Genoa e Fiorentina Alberto “Tino” Costa e in attacco all’ex Tigre ed Inter Rubèn Botta, mentre per il Tiburon, allenato dall’ex attaccante del Ciclòn Walter Perazzo, segnaliamo la presenza nell’undici di partenza di Pablo El Payaso Luguercio, esperto attaccante classe 82, ex Estudiantes e Racing.

Dopo una prolungata fase di studio, la prima occasione è di marca azulgrana con Nico Blandi il quale, dopo una punizione di Tino Costa, deviata dalla barriera, s’inventa una cilena che finisce la sua corsa non lontana dalla porta difesa da Vega. Al 20° ci prova lo stesso Tino Costa che, su assist del Pocho Cerutti, tenta lo shoot di sinistro con palla alta sopra la traversa; ormai la formazione di Aguirre ha in mano il pallino del match, mentre gli uomini di Perazzo aspettano soltanto di poter ripartire di contragolpe ed arrivano al 23° alla conclusione con Medina, che con un destro incrociato sul secondo palo impegna Navarro. Da rimarcare, nel Santo, il lavoro di grande sacrificio sulla fascia sinistra di Botta, il quale però arriva di conseguenza poco lucido in zona offensiva, così come l’attenta regia a centrocampo di Tino Costa. Al 42° occasione per il Cuervo con Blandi che, in scivolata su cross di Botta, arriva in ritardo nell’impatto con la sfera, spedendo alto ed al 46° lo stesso attaccante ex Boca manda sull’esterno della rete un colpo di testa su cross di Rojas, chiudendo di fatto la prima frazione di gioco.

Il match riprende con gli stessi effettivi del primo tempo ma con Aldosivi più pimpante che già al 4° si rende pericoloso con un contropiede di Medina, che però si allunga troppo la sfera, concludendo così alle stelle. AL 10° doppio cambio nella file del San Lorenzo, con gli ingressi del Pipi Romagnoli e del Perrito Barrios in luogo di Tino Costa e Botta ma al 19° arriva clamorosamente il sorprendente vantaggio dell’Aldosivi con Alegre che, su azione d’angolo battuto da Miracco, ribadisce in rete una respinta di Navarro su un colpo di testa del Payaso Luguercio. In pratica, la squadra di Aguirre termina qua il proprio incontro, non riuscendo minimamente a presentare un’adeguata controffensiva, reduce forse dall’immane sforzo profuso nel match di Libertadores, così la squadra di Perazzo espugna il Nuevo Gasometro, mettendo in cascina 3 preziosissimi punti in chiave Promedio.

Il San Lorenzo rimane fermo a quota 46, venendo scavalcato a quota 48 dal River, in assoluto la squadra più on fire del momento, che passa a La Plata con il Gimnasia per 3 a 0 con le segnature dei soliti Driussi e Pity Martinez, in aggiunta alla definizione del talentissimo ex Estudiantes, quindi particolarmente animato in questo match, Carlos Auzqui, a quota 45 resta fermo anche il Banfield, surclassato per 3 a 0 da un vivace Atletico Tucuman, mentre a quota 44 troviamo l’Estudiantes, caduto rovinosamente a Bahia Blanca, contro l’Olimpo, per 3 a 1, il Colon battuto 3 a 0 dal Temperley e l’Independiente che, grazie anche ad un gol del talentissimo Ezequiel l’Indiesito Barco, sconfigge per 2 a 1 l’Huracan, inoltre segnaliamo la dirompente vittoria del Rosario Central che al Gigante de Arroyito asfalta per 4 a 1 il malcapitato Racing di Darìo Cocca.

Gli altri risultati: Belgrano – Patronato 1-1; Lanus – Atl. Rafaela 2-0; Sarmiento – Talleres 1-4; Tigre – San Martin 1-1; Union – Arsenàl 0-1; G. Cruz – Velez 3-0; Quilmes – Defensa 0-2
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 52 punti, RIVER PLATE* 48 punti; SAN LORENZO 46 punti; NEWELL’S OLD BOYS, BANFIELD 45 punti; INDEPENDIENTE*, ESTUDIANTES LP, COLON 44 punti; RACING CLUB 42 punti, ROSARIO CENTRAL 40 punti; LANUS 39 punti; TALLERES C, DEFENSA Y JUSTICIA* 37 punti; GIMNASIA Y ESGRIMA LP, GODOY CRUZ 34 punti; ATLETICO RAFAELA 33 punti, ATLETICO TUCUMAN* 31 punti; OLIMPO*, TEMPERLEY 30 punti; UNION 29 punti; VELEZ SARSFIELD 28 punti; PATRONATO 27 punti; SAN MARTIN SJ 26 punti; TIGRE 25 punti; HURACAN 24 punti; ALDOSIVI 23 punti; SARMIENTO J, QUILMES 22 punti; BELGRANO 19 punti; ARSENAL* 17 punti.

*: RIVER PLATE, INDEPENDIENTE, DEFENSA Y JUSTICIA, ATLETICO TUCUMAN, OLIMPO, ARSENAL 1 partita in meno.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,971
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 1,000
28° posto: QUILMES coefficiente 1,044
27° posto: TEMPERLEY coeficiente 1,070

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 16 reti; BENEDETTO (boca juniors) 15 reti; SAND (lanus) 14 reti; ALARIO (river plate), SCOCCO (newell’s old boys) 12 reti.

Prima di lasciarvi con tutti i gol della giornata vi offriamo la visione del video della “pioggia di bambole”  nello stadio del Rosario Central, dal 2009 a oggi infatti il Newell’s ha vinto un solo Clásico contro il Central e per questo durante Rosario Central-Racing i tifosi Canallas, per festeggiare la vittoria nel derby della scorsa settimana, hanno lanciato in campo delle bambole di bambini vestiti con la maglia del Newell’s: in Argentina e in tutto il SudAmerica, quando vinci sempre contro una rivale e sei avanti nella statistica degli scontri diretti si dice che sei il suo papà, il fattore “paternidad” ha molto peso e risalto nelle rivalità tra tifosi e quelli del Central non hanno perso occasione per ricordarlo agli odiati cugini e rivali.

 

E ora tutti i gol della fecha…
https://www.youtube.com/watch?v=ZVIYFKRabsc

Un pensiero lo rivolgiamo ad un grandissimo sportivo argentino che, nella notte tra Lunedì e Martedì ha, probabilmente, chiuso la propria carriera agonistica; stiamo parlando del grandissimo talento di Bahia Blanca, Emanuel “Manu” Ginobili, classe 1977, reduce con i suoi San Antonio Spurs dall’eliminazione nella finale della Western Conference Nba, per mano dei Golden State Warriors.

 

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-25ma-fecha/feed/ 0 1348
PRIMERA ARGENTINA 24ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-24ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-24ma-fecha/#respond Tue, 16 May 2017 19:01:30 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1343 Giornata cruciale e molto emozionante quella appena disputata in Argentina, infatti era la cosiddetta giornata dei Clasicos, in cui venivano disputate tutte le sfide più calde del panorama albiceleste e le emozioni non sono assolutamente mancate.

Si inizia sabato con la sfida cittadina di La Plata, che vede l’Estudiantes sconfiggere il Gimnasia, reduce dalle fresche dimissioni del suo tecnico Gustavo “ Lechuga” Alfaro, per 1 a 0 con gol del platinato Israèl Damonte, per poi proseguire con il Clasico di Cordoba tra Talleres e Belgrano, terminato  1 a 1 con le reti di Rescaldani per il Talleres e di Suarez per il Pirata, al Florencio Sola andava poi in scena il Clasico del Sur tra Banfield e Lanus, che vedeva prevalere il Taladro di Falcioni per  1 a 0 grazie alla segnatura dell’ex Palermo e Boca Nicolàs Bertolo, mentre nel Clasico de Barrio vittoria esterna del San Lorenzo De Almagro sul campo dell’Huracan per 1 a 0 grazie all’ex Malaga Marcos Angeleri.

Nella giornata di domenica, si disputavano i restanti clasicos, come quello di Santa Fè tra Colon e Union, finito 1 a 1 con le reti di Vera per il Sabalero e l’autogol di Conti per il Tatengue, il Clasico de Rosario dove il Central di Pablo Montero espugnava con pieno merito il Coloso Marcelo Bielsa, casa dei rivali cittadini del Newell’s Old Boys, per 3 a 1 con le reti canallas di Carrizo, Ruben e Herrera, mentre il momentaneo 2 a 1 leproso veniva realizzato dall’ex Palermo Mauro Formica ed il Clasico de Avellaneda, dove l’Independiente sconfiggeva per 2 a 0 il Racing con le reti del sempre più decisivo Emiliano Rigoni e di Meza, ma le attenzioni di tutto il popolo argentino erano rivolte all’Estadio Alberto Josè Armando, più noto come la Bombonera, teatro del Superclasico tra i padroni di casa del Club Atletico Boca Juniors e gli acerrimi rivali del Club Atletico River Plate.

Agli ordini dell’arbitro, signor Patricio Lousteau, uno dei più esperti fischietti d’Argentina, entrambe le squadre si presentano con gli schieramenti tipo, gli Xeneizes del Mellizo Guillermo Barros Schelotto con il consueto 4 – 3 – 3, con il trio avanzato Pavon – Benedetto – Centurion, mentre i Millionarios del Muneco Marcelo Gallardo con il classico 4 – 3 – 1 -2, con la terribile coppia d’attacco composta da Seba Driussi e Lucas  “El Flaco” Alario, supportati alle spalle dal “Pity” Gonzalo Martinez, mentre in difesa accanto all’ex Jonathan Maidana, debutta in un Superclasico la nuova meraviglia della cantera della Banda, il 21enne Lucas “El Chino” Martinez Quarta.

Dopo appena 2 minuti, primo cambio del match, infatti s’infortuna dopo un contrasto con Fernando Gago, l’ex Newell’s MIlton Casco, che deve così abbandonare il terreno di gioco per far posto a Mayada, ma sempre sulla fascia sinistra dell’attacco millionario si disimpegna benissimo “el Pity” Martinez, creando non pochi imbarazzi all’ex Catania Gino Peruzzi e, dopo un tiro di Driussi al 4°, bloccato in 2 tempi dall’arquero Xeneize Rossi, gli uomini di Gallardo intensificano la propria supremazia territoriale, arrivando al 14° al meritato vantaggio proprio con Martinez che,con una definizione sontuosa, conclude con un sinistro al volo, un millimetrico cross di Driussi, sul quale va letteralmente a vuoto il malcapitato Peruzzi. La mossa di Gallardo di tenere così largo Martinez risulterà quella decisiva, infatti da quella parte il River farà il bello e il cattivo tempo e già al 16° los Millionarios vanno vicini al raddoppio con un colpo di testa di Ariel Rojas su cross dell’immarcabile Martinez, con palla fuori di poco. Al 17° primo cambio forzato anche per Schelotto, infatti l’ex Racing e Genoa Ricardo Centurion accusa un problema muscolare e lascia il campo in favore della “Panterita” Walter Bou, ma la musica non cambia ed il solito straripante Martinez, dalla sinistra, serve una palla d’oro per Driussi che conclude a lato di pochissimo, il tutto come preludio al secondo gol della Banda che arriva al 24°con Alario che, ricevuto l’assist in profondità del solito incontenibile Pity Martinez, scarica un sinistro verso la porta azul y oro che Rossi può solo deviare in rete. Il dominio riverplatense è pressochè totale, il Boca risulta quasi non pervenuto, ma rientra clamorosamente ed immeritatamente in gioco nel primo dei 2 minuti di recupero con la rete di Gago su un’innocua punizione dalla trequarti, giudicata malissimo dal portiere del River Batalla e così si chiude la prima frazione di gioco sul punteggio di 2 a 1 per la Banda.

La ripresa si apre con il Boca leggermente più presente sul campo, anche grazie all’incessante sostegno del popolo Xeneize, guidato dalla Doce, ma è sempre il River ad essere più pericoloso, già al 12° con un’azione del trio delle meraviglie Alario – Driussi – Martinez, chiusa dal Pity con un tiro sul primo palo, deviato in angolo da Rossi. Finalmente il Boca inizia a rendersi pericoloso ed al 17° va vicinissimo ad un incredibile pareggio con l’azione del Pipa Darìo Benedetto, fin lì ectoplasmatico, che ricevuta palla da Pablo Perez, si invola verso la porta, riesce a scartare Batalla e a concludere verso la porta, dove con un intervento prodigioso il debuttante Martinez Quarta salva sulla linea, mettendo la sfera in calcio d’angolo. Al 19° secondo cambio forzato per Gallardo che deve sostituire il migliore in campo Pity Martinez per un fastidio muscolare,schierando l’esperto uruguagio Rodrigo Mora, mentre nel Boca al 23° esce Perez ed entra Barrios. Gli uomini di Schelotto intensificano la propria manovra ma non riescono a sfondare la linea difensiva millionaria dove si staglia sempre con interventi precisi e puliti il giovane Martinez Quarta, ennesimo interprete nel ruolo uscito dalle giovanili di Nunez, come i predecessori Pezzella e Mammana,intanto al 28° ultimo cambio per la Banda con l’ingresso dell’ex Estudiantes Carlos Auzqui per Alario ed al 29° palla gol epocale per il Boca, con il cross dalla destra di Peruzzi che arriva sulla testa di Benedetto che libero in area piccola manda di poco alto sulla traversa di Batalla. Al 34° ci prova dalla distanza il neo acquisto bianconero, l’uruguagio Rodrigo Bentancur ma il pallone si perde alto con Batalla che controlla tranquillamente, mentre al 39° il River sbaglia il match point con Auzqui che, lanciato in profondità da Driussi, prova uno scavetto per superare Rossi con la sfera che si perde a lato. Al 43° Batalla riscatta l’erroraccio sul gol di Gago con 2 interventi decisivi, prima su una conclusione di Gago e poi sul tentativo di tap – in di Peruzzi, ma al primo dei 4 minuti di recupero, Driussi sigla il 3 a 1 finale, con un sinistro fulmineo sul primo palo, dopo un passaggio in profondità di Nacho Fernandez che aveva intercettato un impreciso disimpegno di Gago, così il River espugna la Bombonera e vendica la sconfitta patita al Monumental all’andata.
Questo il film del Superclasico, come sempre con immagini bellissime:

In classifica, Boca sempre primo con 49 punti, il San Lorenzo sale a 46, a 45 il River (con una partita in meno) il Newell’s ed il Banfield, a quota 44 Estudiantes e Colon.

Gli altri risultati: San Martin – G. Cruz 1-2; Atl. Rafaela – Atl. Tucuman 1-0; Olimpo – Aldosivi 2-0; Patronato – Sarmiento 2-2; Arsenàl – Temperley 2-0; Defensa – Quilmes 2-0; Velez – Tigre 2-1

CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 49 punti; SAN LORENZO 46 punti; RIVER PLATE*, NEWELL’S OLD BOYS, BANFIELD 45 punti; ESTUDIANTES LP, COLON 44 punti; RACING CLUB 42 punti; INDEPENDIENTE* 41 punti; ROSARIO CENTRAL 37 punti, LANUS 36 punti; TALLERES C, GIMNASIA Y ESGRIMA LP, DEFENSA Y JUSTICIA* 34 punti; ATLETICO RAFAELA 33 punti; GODOY CRUZ 31 punti; UNION 29 punti; ATLETICO TUCUMAN*, VELEZ SARSFIELD 28 punti; OLIMPO*, TEMPERLEY 27 punti; PATRONATO 26 punti; SAN MARTIN SJ 25 punti; HURACAN, TIGRE 24 punti; SARMIENTO J, QUILMES 22 punti; ALDOSIVI 20 punti; BELGRANO 18 punti; ARSENAL* 14 punti.

*: RIVER PLATE, INDEPENDIENTE, DEFENSA Y JUSTICIA, ATLETICO TUCUMAN, OLIMPO, ARSENAL una partita in meno.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,985
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 1,011
28° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,042
27° posto: QUILMES coefficiente 1,056

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 15 reti; BENEDETTO (boca juniors) 14 reti; SAND (lanus) 13 RETI.

E ora un bellissimo video direttamente dalle tribune dei clasicos seguito da tutti i gol de la fecha :
https://www.youtube.com/watch?v=KUfvpZoXKMs

https://www.youtube.com/watch?v=EBBG-Xa9BS0

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-24ma-fecha/feed/ 0 1343
PRIMERA ARGENTINA 23ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-23ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-23ma-fecha/#respond Tue, 09 May 2017 14:02:53 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1339 Finalmente il percorso intrapreso con la nuova dirigenza dell’AFA ha portato un suo primo sbocco significativo, infatti è stata ufficializzata la nascita della nuova Superliga, ovvero la nuova composizione della Primera Division: una divisione a 28 squadre che arriverà a 22, come imposto dalla Uefa, nella stagione 2020 – 2021, a forza ogni anno di 4 retrocessioni e sole 2 promozioni dalla Segunda Division. Il nuovo torneo, che vedrà il gruppo americano Fox – Tuner trasmettere tutte le partite in esclusiva, inizierà il 20 Agosto per terminare il 13 Maggio 2018, con 27 giornate più una con tutti i ritorni dei vari Clasicos.

Sul versante tecnico, giornata ampiamente interlocutoria in vetta, in cui nello scontro clou dell’Estadio Unico di La Plata, l’Estudiantes e il Boca hanno impattato sullo 0 a 0 un match che ha visto l’espulsione del tecnico del Pincha Vivas per proteste contro l’arbitro per un rigore non assegnato ai suoi giocatori, il tutto condito dal personalissimo show dell’allenatore che si è letteralmente strappato di dosso la camicia, restando a petto nudo e mostrando una schiena tutta tatuata, degni dei più grandi rockers mondiali.

Gli Xeneizes salgono così a  quota 49, guadagnando incredibilmente un punto sul  Newell’s,fermo a quota 45,  clamorosamente sconfitto al Coloso per 4 a 2 dall’Independiente, nonostante le solite timbrature di Nacho Scocco e della Fiera Maxi Rodriguez: ne approfitta così il San Lorenzo, vittorioso al Nuevo Gasometro per 2 a 1 sul Rosario Central,grazie anche ad un rigore calciato con lo scavetto dal Gordo Nèstor Ortigoza,  salendo così a quota 43 alla pari con il Colon, bloccato sul 2 a 2 al Cementerio de Los Elefantes dall’Atletico Tucuman, mentre a quota 42 si stagliano il Racing, vincitore al Cilindro per 1 a 0 sul Gimnasia ed il River (che ricordiamo ha una partita in meno, match che verrà recuperato il prossimo 11 Giugno contro l’Atletico Tucuman) trionfante al Monumentàl per 4 a 1 sul Temperley, con le immancabili reti di Lucas El Flaco Alario, doppietta per lui e Sebastiàn Driussi, autore di una marcatura e sempre più capocannoniere, unite alla stupenda segnatura di Mayada, con un tiro a giro all’incrocio dei pali.

Questa settimana, per Voi, abbiamo seguito un caldissimo match in chiave salvezza, lo spareggio del Viaducto di Sarandì, ora dedicato al fondatore del club, l’ex presidente dell’AFA Julio Humberto Grondona, tra i padroni di casa dell’Arsenàl e l’Olimpo di Bahia Blanca. Le due squadre, nella classifica del Promedio, si trovano rispettivamente al 28° e al 27° posto, per cui il bisogno di conseguire il bottino pieno si fa pressochè vitale: nei padroni di casa, segnaliamo la presenza dell’ex San Lorenzo e Sampdoria Jonathan Bottinelli ed in panchina dell’ex centravanti del Newell’s Joaquin “Bam Bam” Boghossian, mentre nei giallo – neri di Bahia Blanca, in porta troviamo l’ex Independiente Gabbarini e a centrocampo l’ex Racing Perez – Guedes. A dirigere il match è stato designato l’arbitro Paletta, reduce dalla sospensione temporanea di Huracan – Newell’s di settimana scorsa.

Nonostante il pochissimo pubblico presente sugli spalti, i tifosi dell’Arsenàl non fanno mancare il proprio sostegno, mentre sul campo le due squadre esprimono, attraverso una prolungata fase di studio a centrocampo, tutti i loro timori per un match decisamente importante in ottica salvezza. Intanto su Sarandì, sobborgo di Avellaneda, inizia ad abbattersi una pioggia insistente ed a tratti molto intensa, che complica non  poco lo svolgimento regolare del match: le due squadre provano ad imbastire alcune manovre, ma da segnalare c’è soltanto al 40° un tiro di Cavallucci dell’Olimpo, ben deviato dal portiere dell’Arsenàl Santillo. I 22 in campo vanno al riposo sul punteggio di 0 a 0,ma si capisce che le condizioni del campo permetteranno difficilmente la ripresa del gioco, infatti l’arbitro Paletta, dopo aver verificato che il pallone scorre a fatica sul terreno di gioco zuppo d’acqua, non può far altro che applicare il buon senso, oltre che il regolamento, decretando la sospensione del match, che verrà recuperato in data da stabilire.

Gli altri risultati:  San Martin – Quilmes 1-0; Talleres – Tigre 1-2; Patronato – Lanus 0-2; Atl. Rafaela – Union 3-0; Aldosivi – Huracan 0-3; Defensa – G. Cruz 0-0; Banfield – Sarmiento 2-0; Velez – Belgrano 1-2
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 49 punti; NEWELL’S OLD BOYS 45 punti; COLON, SAN LORENZO 43 punti; RIVER PLATE*, RACING CLUB, BANFIELD 42 punti; ESTUDIANTES LP 41 punti; INDEPENDIENTE* 38 punti; LANUS 36 punti; ROSARIO CENTRAL, GIMNASIA Y ESGRIMA LP 34 punti; TALLERES C 33 punti; DEFENSA Y JUSTICIA* 31 punti; ATLETICO RAFAELA 30 punti; ATLETICO TUCUMAN*, GODOY CRUZ, UNION 28 punti; TEMPERLEY 27 punti; PATRONATO, SAN MARTIN SJ, VELEZ SARSFIELD 25 punti; OLIMPO*, HURACAN, TIGRE 24 punti; QUILMES 22 punti; SARMIENTO J 21 punti; ALDOSIVI 20 punti; BELGRANO 17 punti; ARSENAL* 11 punti.

*: RIVER PLATE, INDEPENDIENTE, DEFENSA Y JUSTICIA, ATLETICO TUCUMAN, OLIMPO, ARSENAL 1 partita in meno

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: SARMIENTO J coefficiente 0,985
29° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 0,988
28° posto: ARSENAL coefficiente 1,046
27° posto: OLIMPO coefficiente 1,057

CLASSIFICA MARCATORI:
BENEDETTO (boca juniors), DRIUSSI (river plate) 14 reti; SAND (lanus) 13 reti; SCOCCO (newell’s old boys) 12 reti.

 

E ora i gol della fecha , dandovi appuntamento alla prossima settimana, in cui parleremo di tutti i Clasicos giocati nel fine settimana…
https://www.youtube.com/watch?v=mg-EcnCyKYg

Purtroppo, nella giornata di domenica, è giunta la notizia tristissima del suicidio del noto agente Jorge Cyterszpiller, colui che fu il procuratore del Dies Diego Armando Maradona negli anni di Barcellona e Napoli e che attualmente aveva le procure di vari campioni come De Michelis, Vietto e Mariano Andujar.

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-23ma-fecha/feed/ 0 1339
PRIMERA ARGENTINA 22ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-22ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-22ma-fecha/#respond Wed, 03 May 2017 21:11:00 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1335 Nella ventiduesima giornata del campionato, si affrontavano al Tomàs Ducò – Parque Patricios, l’Huracan ed il Newell’s Old Boys, lanciatissimo alle spalle del Boca capolista. Los Leprosos di Rosario hanno il doppio dei punti (42 – 21) dei Quemeros di Buenos Aires, sulla carta pertanto sembrerebbe un match quasi senza storia, ma come spesso accade il campo potrebbe ribaltare tutto: per i padroni di casa, in campo l’ex Inter e Palermo Mariano Gonzalez, mentre parte dalla panchina l’uomo più carismatico e dotato di maggior classe, Danièl El Rolfi Montenegro, mentre per i visitantes di Osella l’equipo de memoria di questa stagione, con il trio Amoroso – El Gato Formica – La Fiera Maxi Rodriguez a supporto del solito infallibile Ignacio Nacho Scocco. Settimana turbolenta quella appena trascorsa a Rosario, in cui i giocatori, per solidarietà con i dipendenti del club, in gravissima crisi economica, senza stipendio da alcuni mesi, si sono allenati con materiale tecnico non sponsorizzato. Per far fronte a questa situazione, l’AFA ha anticipato una parte della fetta spettante al club dei diritti tv, in modo da poter saldare le pendenze più urgenti.
Di fronte ad un pubblico non particolarmente numeroso, il match prende avvio con una fase di studio molto prolungata, nella quale si fa preferire la verve del Globo, assetato di punti in chiave Promedio, mentre la Lepra si mantiene nella propria metà campo, cercando ripartenze ficcanti verso la porta difesa da Marcos Diaz. Momento cruciale è ciò che avviene al 34° quando l’arbitro Paletta non assegna, giustamente, un calcio di rigore all’Huracan, per un presunto intervento di Seba Dominguez su Romero, che cerca spudoratamente il contatto con il difensore rubi – negro in scivolata: questo scatena la rabbia dei tifosi bianco – rossi che iniziano una serie di cori pesantemente minacciosi nei confronti del direttore di gara, in cui si inneggia al suo assassinio, portando lo stesso Paletta a sospendere il match e a minacciare la sospensione definitiva, in caso di reiterazione dei suddetti cori. Per fortuna, il buon senso prevale e dopo circa 5 minuti, la sfida del Tomàs Ducò può finalmente riprendere e, dopo 6 minuti di recupero, termina la prima frazione a reti inviolate.
La ripresa si apre col primo cambio per la Lepra, con l’ingresso di Mansilla per Amoroso, ma il leit motif del match non varia più di tanto, infatti l’equipo de Rosario non riesce minimamente a rendersi pericolosa; dall’altra parte, ci prova il neo entrato Pussetto, con un colpo di testa al 16°, senza creare grattacapi al portiere rosarino Pocrnjic. Intanto Osella fa entrare Victor Figueroa per Sills, ma la musica non cambia, l’Huracan a fare la partita ed il Newell’s a provare il contropiede ed in uno di essi, incredibilmente, al primo tiro in porta del match, la formazione di Rosario trova il vantaggio con la solita zampata di Scocco che al 28° riceve palla sulla sinistra da Formica e con un tiro teso, complice una leggera deviazione di capitan Nervo, batte imparabilmente Diaz.
Nulla più accade di rilevante, nonostante il forcing finale quemero, per cui con il minimo sforzo e, permetteteci, abbastanza immeritatamente, il Newell’s sbanca il Parque Patricios, portandosi momentaneamente a quota 45 insieme al Boca, atteso domenica alla Bombonera dall’Arsenàl. Gli uomini di Schelotto liquidano la pratica Sarandì con un perentorio 3 a 0, con la dupla dell’ex Darìo El Pipa Benedetto ed il primo gol in Primera, dell’ennesimo e futuro craque albiceleste, il classe 99 Gonzalo Maroni, riallungando a quota 48 punti.

Il River si ferma una settimana a causa del rinvio del match contro l’Atletico Tucuman, per l’impegno di questi ultimi in un decisivo match di Libertadores, pertanto rimane a quota 39,mentre sale prepotentemente a quota 42 il Colon, con uno straripante 4-0 sul campo del malcapitato Sarmiento, a quota 40 si issano il San Lorenzo, vincitore per 1 a 0 a La Plata sul Gimnasia e l’Estudiantes,,bloccato sul 2 a 2 ad Avellaneda dall’Independiente.
Gli altri risultati: Quilmes – Talleres 1-0; Tigre – Banfield 0-1; Temperley – Racing 3-0; Union – Patronato 0-0; G. Cruz – S. Martin 0-0; R.Central – Aldosivi 2-0; Olimpo – Atl. Rafaela 1-2; Belgrano – Defensa 0-1; Lanus – Velez 2-0, con il gol del vantaggio granate messo a segno dalla meteora viola Hernàn Toledo.
E ora i gol della fecha, con menzione particolare per il gol di Maroni…

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-22ma-fecha/feed/ 0 1335
PRIMERA ARGENTINA 21ma fecha http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-21ma-fecha/ http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-21ma-fecha/#respond Wed, 26 Apr 2017 17:49:47 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1331 Si torna a parlare soltanto di aspetti tecnici nel weekend argentino, dopo la tragedia del Mario Kempes di Cordoba: nella 21ma fecha, appena trascorsa, tutte le squadre sono scese in campo con un striscione per ricordare che la violenza non appartiene al Futbol Albiceleste.

La capoclassifica Boca Juniors si recava a Rafaela, dove all’Estadio Nuevo Monumental, andava in scena il più classico dei testa – coda, tra l’equipo del Mellizo Guillermo Barros Schelotto e l’Atletico di Llop, ultimo nella classifica del Promedio, per cui al momento attuale prima delle retrocesse in Segunda Division.

Tra gli Xeneizes, due i cambi rispetto all’undici classico, con Zuqui al posto di Centurion e Barrios in luogo di Fernando Gago, con Rossi ancora una volta preferito, a guardia della porta, al futuro craque Axel Werner, mentre tra i padroni di casa segnaliamo la presenza, al centro dell’attacco, di Mauro Albertengo, fratello di Lucas, delantero dell’Independiente.

Il match comincia con il Boca che prende, praticamente da subito, il pallino del gioco, ma la sua manovra non risulta molto lineare, anche a causa delle dimensioni del terreno di gioco, non propriamente largo e con i cartelloni pubblicitari alla minima distanza regolamentare dalla linea del fallo laterale: la prima azione dell’equipo azul y oro arriva al 7° con uno scambio Bentancur – Zuqui, concluso con un tiro dall’uruguagio, fresco di firma con la Juve, ben bloccato dal portiere della Crema Hoyos. Il tasso tecnico è chiaramente sbilanciato verso gli uomini di Schelotto, accompagnati in trasferta dalla Doce itinerante,                                https://www.youtube.com/watch?v=8cZ0Vv73P_k

ma i padroni di casa si difendono con ordine, senza rischiare più di tanto e al 25° si affacciano nell’area avversaria con un tiro di Gudino, già a segno 8 volte in campionato, ma la sua conclusione è smorzata dal terzino sinistro colombiano Fabra e viene raccolta facilmente da Rossi. Lo stesso Gudino, al 36°, si libera di Pablo Perez e serve l’enganche Itabel, che però non riesce a impensierire Rossi, abile a bloccare a terra il piatto destro del numero 37 dell’Atletico e al 46° prova ancora Gudino l’azione personale, con un tiro che si spegne fuori di poco, ponendo così fine ad un primo tempo, tutto sommato equilibrato, ancora fermo sullo 0 a 0.

La ripresa si apre con gli stessi 22 in campo e al 5° annotiamo finalmente la presenza in campo del fino ad allora invisibile Darìo El Pipa Benedetto, che ci prova con una conclusione ampiamente velleitaria dai 30 metri, con palla che finisce docilmente tra le braccia di Hoyos. La pressione dell’equipo del Mellizo inizia a farsi più intensa e già all’8° Zuqui non arriva per poco a deviare in rete un preciso cross rasoterra di Fabra; ancora il terzino colombiano protagonista al 14° quando, servito da Pavon, effettua un cross basso che per pochissimo non vede pronto alla deviazione in rete capitan Pablo Perez.

Comincia la girandola dei cambi, che non muta più di tanto, il leit motif del match; l’unico sussulto degno di nota arriva al 40° con un incredibile incrocio dei pali colpito dal centrocampista dell’Atletico Moreno che, dopo una respinta di Insaurralde su un cross proveniente dal settore sinistro dell’attacco della Crema, fa partire un siluro dai 30 metri, lasciando di sasso il buon Rossi, salvato nella circostanza da una capitolazione quasi certa. Da segnalare l’ingresso, al 44°, per i padroni di casa dell’attaccante Montiel, dichiarato tifoso xeneize, il quale ha un fratello a cui la famiglia ha dato il nome di Juan Romàn, in onore di uno dei più grandi idoli del recente passato boquense, ovvero il Mudo Riquelme. Il match termina sullo 0 a 0, che rappresenta un’improvvisa battuta d’arresto nella corsa del Boca al titolo 2017, mentre per l’Atletico Rafaela una boccata d’ossigeno nella difficile rincorsa alla salvezza.

Il Boca sale a quota 45, ma della inseguitrici ne approfitta solo il Newell’s, che passa con un comodo 3 a 0 sull’Aldosivi, con le reti di Formica, della Fiera Maxi Rodriguez e di Victor Figueroa, riducendo così il distacco a 3 punti, mentre si bloccano per 1 a 1 nei match casalinghi sia l’Estudiantes contro l’Huracan sia il River contro il Sarmiento, nonostante il solito gol del capocannoniere Seba Driussi, facendosi così raggiungere a quota 39 dal Racing di Diego Cocca, vittorioso per 4 a 3 al Cilindro contro l’Atletico Tucuman.  Fa addirittura peggio il San Lorenzo, che riesce nell’impresa di perdere al Nuevo Gasometro per 1 a 0 contro la matricola Temperley, grazie ad una mezza papera del proprio portiere Torrico.

Gli altri risultati: Banfield – Quilmes 2-0; Defensa – Lanus 1-0; Velez – Union 2-1; R. Central – Gimnasia 2-1; S. Martin – Belgrano 2-1; Talleres – G.. Cruz 1-0; Arsenàl – Independiente 0-2; Patronato – Olimpo 3-4; Colon – Tigre 2-1
CLASSIFICA:
BOCA JUNIORS 45 punti; NEWELL’S OLD BOYS 42 punti; ESTUDIANTES LP, RACING CLUB, RIVER PLATE, COLON 39 punti; SAN LORENZO 37 punti; BANFIELD 36 punti; INDEPENDIENTE, GIMNASIA Y ESGRIMA LP 34 punti; TALLERES C 33 punti; ROSARIO CENTRAL 31 punti; LANUS 30 punti; ATLETICO TUCUMAN, DEFENSA Y JUSTICIA, UNION 27 punti; GODOY CRUZ 26 punti; VELEZ SARSFIELD 25 punti; OLIMPO, ATLETICO RAFAELA, PATRONATO, TEMPERLEY 24 punti; HURACAN, SARMIENTO J, TIGRE, SAN MARTIN SJ 21 punti; ALDOSIVI 20 punti; QUILMES 19 punti; BELGRANO 14 punti; ARSENAL 11 punti.

CLASSIFICA PROMEDIO:
30° posto: ATLETICO RAFAELA coefficiente 0,941
29° posto: SARMIENTO J coefficiente 1,014
28° posto: TEMPERLEY coefficiente 1,044
27° posto: QUILMES, ARSENAL coefficiente 1,058

CLASSIFICA MARCATORI:
DRIUSSI (river plate) 13 reti; BENEDETTO (boca juniors) 12 reti; SAND (lanus) 11 reti.

 

E ora i gol della fecha…
https://www.youtube.com/watch?v=PlpNQV7GU1o

Indiscrezione dell’ultim’ora in Argentina, secondo cui il prossimo 22 Maggio verrà ufficializzato l’ingaggio di Jorge Sampaoli come nuovo allenatore della Seleccion.
Questo invece il debutto di Nahuel “el perrito” Barrios  da Dock Sud,classe ’98, altezza 154cm con la maglia del San Lorenzo nella sfida di Copa Libertadores contro la Universidad Catolica de Chile….

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/primera-argentina-21ma-fecha/feed/ 0 1331
Bernardo su Fiorentinanews: “La Fiorentina è un accavallarsi di situazioni gestite male. Sanchez che fatica dietro. Viola in prestito? Non ho dubbi su…” http://www.bernardobrovarone.it/bernardo-su-fiorentinanews-la-fiorentina-e-un-accavallarsi-di-situazioni-gestite-male-sanchez-che-fatica-dietro-viola-in-prestito-non-ho-dubbi-su/ http://www.bernardobrovarone.it/bernardo-su-fiorentinanews-la-fiorentina-e-un-accavallarsi-di-situazioni-gestite-male-sanchez-che-fatica-dietro-viola-in-prestito-non-ho-dubbi-su/#respond Wed, 19 Apr 2017 10:10:59 +0000 http://www.bernardobrovarone.it/?p=1325 “Il punto centrale della questione è che il calcio va fatto secondo logica, non contro. La Fiorentina è un accavallarsi di situazioni gestite male. I giocatori chiaramente avvertono questa situazione e in campo questo si vede. Ci sono fratture tra giocatori, dirigenti, allenatore, e quest’ultimo ne ha sofferto tanto. Un gruppo in cui ci sono calciatori che sono arrabbiati con la società forse più di Sousa. In estate andranno eliminati i rami secchi, per ripartire tutti insieme…”

Leggi l’articolo completo di Bernardo Brovarone su Fiorentinanews.com

]]>
http://www.bernardobrovarone.it/bernardo-su-fiorentinanews-la-fiorentina-e-un-accavallarsi-di-situazioni-gestite-male-sanchez-che-fatica-dietro-viola-in-prestito-non-ho-dubbi-su/feed/ 0 1325