Don't Miss

EL SUPERCLASICO DEL ASCENSO

nueva chicago

di MC&TB | 11 ottobre 2016

Sabato si è giocato uno dei tantissimi derby di Buenos Aires, un derby tra due squadre minori  dell ‘ovest della capitale argentina : il Nueva Chicago del barrio di Mataderos e l’ All Boys del barrio di Floresta, che hanno dato vita al 97mo  “Superclasico del Ascenso”.
Atmosfera calda e colorata nonostante la partita sia stata giocata alle ore 13 e nonostante persista il divieto di far assistere i tifosi ospiti a quasi tutte le partite del futbol argentino.
Queste sono alcune bellissime immagini  con un breve ed a ruota una breve storia della barra del Nueva Chicago,come sempre una storia tutta da leggere… nueva chicago

nueva chicago2nueva chicago 3La tifoseria del Nueva Chicago è nueva chicago 4formata perlopiù dalla classe economica media e medio bassa del quartiere popolare Mataderos (barrio della zona ovest della Capital Federal) e dal 1980 ha avuto un notevole incremento numerico grazie alla prima storica promozione del club neroverde in primera division.
La hinchada verdinegra si distingue storicamente per la sua natura passionale e combattiva grazie soprattutto  alla stretta relazione con il quartiere a cui appartiene che non a caso viene considerato  come uno dei più “ribelli”e politicizzati di tutta la Capital Federal  a causa delle numerose controversie sindacali e lavorative legate al suo sviluppo.
Come tutte le squadre di calcio argentino all’interno della tifoseria del “Torito” c’è un’ala più dura e violenta, la barrabrava, che in questo caso è stata comandata per decenni da un gruppo il cui nome si identifica col quartiere confinante la zona dello stadio: Los Perales.
I Los Perales hanno condotto la barra indisturbatamente per anni,fino al 2007, quando a seguito dei gravi incidenti nel match casalingo contro il Tigre si susseguirono una serie di problemi che coinvolsero il gruppo sia a livello economico che istituzionale causando una perdita di potere  che permise alla fazione rivale dei “Las Antenas”(nome di un sotto-quartiere della zona) di provare a prendere il controllo della barra tramite numerosi e reiterati atti di violenza occorsi fuori e dentro lo stadio.
A causa di questa guerra, scatenatasi per il controllo della barra, il presidente  del club, Gustavo Lacanna (un nome un programma….) prese la drastica decisione di dividere i settori popolari dello stadio in tre tribune separate assegnandone uno ad ogni parte: la Tribuna del Barrio Los Perales, frequentatata dalla fazione “las Antenas”; la Tribuna Republica di Mataderos per il gruppo “Los Perales” mentre nella Tribuna de Hacienda Mercado la parte “pacifica” della tifoseria  che ha sempre preferito stare lontano da ogni conflitto.
Nonostante tutto questo la violenza non ha mai cessato, anzi, ha raggiunto il suo picco massimo nel 2012 a pochi giorni dall’elezione del nuovo presidente Antonio Fusca  apparentemente propostosi come paciere ma poi rivelatosi clamorosamente come promotore  della svolta pro “Las Antenas” dai quali aveva avuto l’appoggio politico durante le elezioni alla presidenza del club, tutta questa tresca,una volta venuta a galla, scatenò una vera e propria guerra culminata con uno scontro che produsse due morti, uno per fazione: quello dei Los Perales ucciso  da un  colpo di spranga di ferro alla base del cranio mentre tentava di sfuggire ad un pestaggio dei rivali mentre quello dei Las Antenas,il leader del gruppo, dopo esser stato ricoverato in ospedale per una coltellata all’addome e dopo essere scampato ad un tentativo di linciaggio da parte dei rivali all’interno dell’ospedale in cui era ricoverato, stroncato da un’infezione dovuta alle ferite riportate.
La storia, che si presenta come un thriller di Hollywood, è un vero e proprio scorcio di ciò che si vive in Argentina con la collusione delle dirigenze sportive, politiche e della polizia con i barrabravas, a volte questi sembrano racconti ma questa è la realtà nuda e cruda di come stano le cose.

A oggi la situazione appare un po’ più tranquilla e la tifoseria del “Torito” si identifica sotto uno striscione unico che porta la scritta “Los Pibes de Chicago” ma a comandare sono sempre e comunque i “Los Perales”, in attesa che i rivai si riorganizzino e tentino un nuovo “colpo di stato”.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*