Don't Miss

Alban Lafont, la Francia ha trovato il suo Donnarumma VIDEO

IMG_0482

di Filippo Razzolini | 28 settembre 2016

Alban Lafont (23/01/1999)nasce a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, e si trasferisce in Francia all’età di nove anni. Le prime parate le fa per il piccolo club dell’A.S. Lattoise, in cui viene notato, nel 2014, dagli scout del Tolosa, che colpiti dalle doti del ragazzo, decidono di prenderlo subito. Nel settore giovanile del “Téfécé“, Lafont si mette subito in grande evidenza ed entra a far parte del giro delle nazionali transalpine. Dopo aver giocato cinque partite con la Francia U16, di cui tre da capitano, diventa titolare inamovibile dell’U17. L’escalation professionale del ragazzo di origini africane è stata veramente rapidissima, tanto che resta solo poco più di un anno nel vivaio del Tolosa, prima del grande salto tra i pro.
Alban Lafont è un portiere tecnicamente completo, molto forte nel gioco aereo e composto in campo, ciò gli permette di trasmettere grande sicurezza a tutto il pacchetto arretrato. Interpreta il ruolo modernamente, trattando molto bene la palla con i piedi, facendosi trovare pronto quando c’è da uscire dall’area di rigore per bloccare il contropiede avversario. Esplosivo e reattivo, anche nelle prese a terra dimostra di saperci fare, andando giù velocemente verso il prato e prendendo tiri che per altri suoi colleghi sarebbero imparabili. Molto alto (193 cm), ha una buona struttura fisica, che però necessiterebbe di essere rinforzata, soprattutto se un giorno vorrà confrontarsi in campionati più impegnativi come quello inglese, dove i portieri vengono spesso ostacolati pesantemente dagli attaccanti avversari, con “cariche” che in altri contesti europei sarebbero sanzionate con dei falli. A 16 anni e 310 giorni, è diventato non solo il più giovane debuttante della Ligue 1, ma anche di tutti i principali campionati. Ciò che va sottolineato è che il suo “battesimo di fuoco” con il mondo del professionismo, non è stato dettato dalle assenze dei titolari, ma da una precisa scelta del tecnico del Tolosa, Dominic Arribagé, che per nulla intimorito dalla difficile posizione in classifica della squadra biancoviola nella scorsa stagione, ha deciso di buttare nella mischia il giovanissimo Lafont, preferendolo ai più esperti Ali Ahamada e Mauro Goicoechea, che a Roma ancora tutti ricordano, certo non positivamente. Lafont si è subito presentato al grande pubblico con personalità assoluta e ha impressionato tutti: in patria era già da tempo considerato un predestinato. Undici “clean sheet” in 32 presenze lo score del diciassettenne: non poca cosa per chi gioca nel Tolosa, quest’anno per ora tra le squadre rivelazioni della Ligue 1 con 14 punti in sette partite e che recentemente ha liquidato con un secco 2-0 il PSG. Un talento che presto senza dubbio farà drizzare le antenne a tutti i grandi club del mondo.

Ecco un video con alcune delle migliori parate dell'”enfant prodige” del Tolosa:

 

Nel video la grande prova di Lafont nella vittoria del Tolosa per 2-0 sul PSG:

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*